Home»News»Alpine A110: “a ruba” la Premier Edition

Alpine A110: “a ruba” la Premier Edition

0
Condivisi
Pinterest Google+

Alpine A110: “a ruba” la Premier Edition

 

Sono bastati 5 giorni per esaurire tutte le Alpine A110 Premiere Edition. La versione di lancio della piccola coupé francese, realizzata in soli 1955 esemplari. Un numero non casuale: è anche la data di fondazione della Alpine, che torna a rivivere proprio con la A110 dopo tanti anni di assenza dal mercato.

>> Leggi anche: Alpine A110Cup, la versione da pista

La Premiere Edition è una versione di lancio, dalle dotazioni praticamente full-optional e comprende alcuni accessori previsti a pagamento per la versione “normale”. Sono i cerchi in lega di 18″ alleggeriti, il rivestimento in pelle per gli interni e le finiture in fibra di carbonio per la plancia. Il prezzo della Alpine A110 Premiere Edition è pari a 58.500 euro che la pone in diretta concorrenza con altre coupé a motore centrale come la Alfa Romeo 4C e la Porsche 718 Cayman.

Alpine A110

Alpine A110: punta sulla leggerezza

Come l’Alfa Romeo 4C, anche la nuova Alpine A110 punta sulla leggerezza più che sui cavalli. A differenza della sportiva del Biscione, l’auto è però costruita su un telaio in alluminio anziché carbonio. Il motore, invece, è un 1.8 turbo a quattro cilindri in grado di erogare 252 cv.

Una potenza non certo esorbitante ma che, associata a soli 1.080 kg dell’auto, permette prestazioni molto interessanti. La Casa francese dichiara una velocità massima di 250 km/h e soli 4,5 secondi per raggiungere i 100 km/h partendo da fermi.

Come per il modello originale degli anni 60, anche la nuova Alpine A110 è dotata di un motore in posizione centrale e della trazione posteriore. Per inviare il moto alle ruote, c’è però un moderno cambio a doppia frizione e sette rapporti, al posto del tradizionale manuale.

 

>> GUARDA TUTTI I VIDEO DI YELLOW MOTORI SUL CANALE DI YOUTUBE

 

Articoli precedente

Volkswagen T-Roc: arriva il suv che si guida come una Golf

Articolo successivo

Con Moia il Gruppo VW punta ai viaggi condivisi