Home»News»Italia a “trazione J” in aprile: Jaguar e Jeep in tripla cifra. Dealer pessimisti

Italia a “trazione J” in aprile: Jaguar e Jeep in tripla cifra. Dealer pessimisti

0
Condivisi
Pinterest Google+

Italia a “trazione J” in aprile: Jaguar e Jeep in tripla cifra. Dealer pessimisti

Con 171.379 immatricolazioni, il mercato dell’auto in Italia è cresciuto in aprile del 6,5% con incrementi in tripla cifra per Jaguar e Jeep. Un bilancio positivo che ha riportato in attivo anche il primo quadrimestre, +0,2%. Sull’andamento dello scorso mese ha inciso anche il calendario con un giorno lavorativo in più. Da gennaio in poi sono state targate in Italia, quasi 746.000 auto nuove.

Quota di immatricolazioni a gasolio ai minimi dal dicembre del 2014

Anche gli automobilisti del Belpaese stanno cominciando ad interrogarsi sul diesel. In aprile la quota è stata “solo” del 52,6%, cioè il livello più basso dal dicembre del 2014. Le immatricolazioni di auto a gasolio sono le uniche per le quali è stata registrata una flessione (-4%), mentre per tutte le altre alimentazioni è stata registrata una crescita. I volumi di quelle a benzina, ad esempio, sono lievitati del 16% (34,4% di penetrazione). In aprile le vendite delle ibride sono aumentare del 53%, quelle delle elettriche sono addirittura raddoppiate.

Sondaggio Quintegia fra i 100 Top Dealer: solo 5% prevede una crescita

Nei primi quattro mesi del 2018, in Italia le immatricolazioni di auto ad alimentazione alternativa sono cresciute del 14,4% con una quota del 12,1%. Secondo un sondaggio di Quintegia, appena il 5% dei 100 top dealer italiani si aspetta una crescita dei volumi per il 2018. Il 55% prevede una contrazione. Il pessimismo raggiunge il 95% per il diesel. La volata di aprile è stata vinta da Jaguar, le cui vendite sono schizzate del 144% contro il +125% di Jeep. La casa delle Sette Feritoie si conferma il marchio cresciuto di più da inizio anno (+95%). Per il gruppo FCA le buone notizie di Jeep si sommano a quelle di Alfa Romeo (+11,3%).

Fiat cede quote di mercato anche in Italia, in aprile -12%

Per Fiat e Lancia continua la marcia indietro: -12 e -25%. La quota di Fiat Chrysler Automobiles ha subito una ulteriore contrazione passando dal 29,2% di un anno fa al 26,8% di quest’anno. Ferrari ha aumentato le vendite nel mese dell’85%, ma nel quadrimestre è in linea con il 2017. I costruttori esteri hanno guadagnato terreno grazie ad una progressione complessiva del 10%. In aprile hanno contabilizzato significativi movimenti in doppia cifra Seat (+50%), Kia (+46%), Lexus (+40%), e Skoda e Volkswagen (+30%). Flessioni importanti invece per Infiniti (-63%) e Porsche (-30%).

Fiat Panda si conferma l’auto più venduta, in aprile davanti a Renault Clio

Dacia, il brand low cost del gruppo Renault, ha ceduto il 12%, ma da inizio anno è saldamente in attivo (quasi +14%). In Italia anche in aprile (come nel quadrimestre) Fiat Panda si conferma il modello più venduto con 8.716 unità (43.361 da inizio anno). Al secondo posto nel mese c’è un’auto straniera, la Renault Clio. Completa il podio la Fiat 500X seguita da da 4 modelli di FCA. Nel quadrimestre, dietro alla Panda ci sono sono tre Fiat. Quinta la prima vettura estera, la Ford Fiesta.

Articoli precedente

Alla finale del mondiale di calcio in Russia con il concorso di Hyundai

Articolo successivo

Reputation Manager, Marchionne primo. Bene Bombassei e Colaninno