Home»News»BMW Serie 6 GT: evoluzione della specie

BMW Serie 6 GT: evoluzione della specie

1
Condivisi
Pinterest Google+

La BMW Serie 5 GT si evolve sotto tutti i punti di vista, a partire dal nome. Il nuovo modello prenderà infatti il nome di BMW Serie 6 GT. Sarà presentata per la prima volta al pubblico in occasione del Salone Internazionale dell’Automobile di Francoforte, a settembre, mentre il lancio commerciale avverrà a novembre. In attesa di vederla e raccontarvela live, scopriamo qualche informazione sul suo conto.

Abito nuovo. La Serie 6 GT si presenta con delle proporzioni dinamicamente slanciate, specialmente nella porzione frontale: le cornici dei proiettori a led (di serie) si estendono fino al marcato doppio rene. Gli elementi stilistici di maggior rilievo, inoltre, sono rappresentati dal cofano motore allungato, l’abitacolo arretrato, il passo allungato e dalle porte dotate di finestrini senza cornice. La linea spiovente del tetto trova la propria conclusione nella sezione posteriore, abbassata di 64 millimetri, riprendendo il tipico stile di un modello coupé. Riviste, in parte, anche le dimensioni. La lunghezza è aumentata di 87 millimetri, arrivando a 5.091 millimetri, invariata la larghezza di 1.902 millimetri e diminuita l’altezza di 21 millimetri, a 1.538 millimetri. Il volume del bagagliaio, invece, è di 610 litri, 110 litri in più del modello uscente.

Interni curati e tecnologici. Il design dell’abitacolo combina il tradizionale cockpit orientato verso il guidatore con un’offerta di spazio generosa. Il tutto arricchito dalla moderna generazione d’infotainment e dai sistemi tecnologici d’ultimissima generazione. Non mancano poi i numerosi sistemi studiati per semplificare la vita di chi guida. L’assistenza alla guida in carreggiata e in situazioni di traffico, ad esempio, rappresenta un passo in avanti verso la guida automatizzata: il sistema si orienta alla segnaletica orizzontale e ai veicoli che precedono, aiutando così il conducente a mantenere la vettura nella corsia riconosciuta. Ma anche Lane Departure Warning e Lane Change Warning, il segnale di pericolo di collisione laterale e l’assistente durante le manovre di evasione- collisione, aumentano la sicurezza attraverso correzioni sullo sterzo. Inoltre, è disponibile anche il Remote Control Parking, per posteggiare la vettura attraverso dei comandi impartiti dall’esterno, come già visto sulla Serie 5.

Motorizzazioni. Al lancio saranno disponibili tre motori dell’attuale generazione di propulsori di BMW Group, affiancati dal cambio Steptronic a 8 rapporti, con prezzi a partire da 61.800 euro. Sin dall’inizio, due varianti di modello saranno ordinabili anche con la trazione integrale intelligente BMW xDrive.

Articoli precedente

Mercato: tornano a salire i prezzi delle auto nuove

Articolo successivo

Citroën C1 Pacific Edition: una vivace serie speciale