Home»News»Brembo brake by wire: minori tempi di reazione, più sicurezza

Brembo brake by wire: minori tempi di reazione, più sicurezza

1
Condivisi
Pinterest Google+

Tante auto, ma anche tanta tecnologia. Questo è il Salone dell’Auto di Ginevra. Un evento al quale non mancano neanche i principali fornitori di componentistica. Tra questi la Brembo, l’azienda italiana leader al mondo per i sistemi frenanti. Famosa per equipaggiare le più performanti supercar con i suoi dischi freno carboceramici, gli impianti frenanti della Brembo sono utilizzati anche nella maggior parte delle vetture di normale produzione. Una leadership dettata dalla continua ricerca e sviluppo di nuove soluzioni.

Elemento fondamentale in un’automobile, gli impianti frenanti stanno subendo un’evoluzione al pari delle auto. Se oggi si parla sempre più di guida autonoma e si moltiplicano i modelli ibridi o elettrici, di pari passo cambiano gli impianti frenanti per sfruttare e integrarsi al meglio con le nuove tecnologie.

brake by wire - Brembo

Brake by wire: minori tempi di risposta

Tra le novità presentate dalla Brembo al Salone di Ginevra c’è una versione aggiornata del suo Brake by Wire. Ovvero dell’impianto frenante gestito elettronicamente al posto di utilizzare meccanismi idraulici e meccanici. Un sistema più efficiente rispetto a quelli tradizionali che l’azienda italiana utilizza dal 2014 in Formula 1 e su alcuni modelli stradali.

Il nuovo sistema ha un tempo di risposta ridotto a soli 100 millisecondi rispetto ai 300-500 di un impianto tradizionale. Questo si traduce in una maggiore sicurezza su strada e per capirlo basta prendere in considerazione qualche esempio. Alla velocità di 120 km/h ogni 300 millisecondi un’automobile percorre 11 metri. Chiaro come un tempo di reazione più breve dal comando del freno all’attuazione della pinza sul disco possa contribuire a ridurre gli spazi di frenata.

Tra le caratteristiche del Brake by wire di Brembo ci sono poi il freno di stazionamento integrato nella pinza posteriore e la possibilità di impostare la sensibilità del freno. Una soluzione, quest’ultima, di grande interesse: oggi sempre più vetture (non solo sportive) permettono un’ampia personalizzazione della modalità di guida da parte del guidatore.

> GUARDA TUTTI I VIDEO DI YELLOW MOTORI SUL CANALE DI YOUTUBE

Articoli precedente

Ford Mustang Bullitt: un omaggio a Steve McQueen

Articolo successivo

La Volvo XC40 vince con distacco il premio Auto dell'Anno 2018