Home»News»Tesla diventa S3XY con il crossover Model Y in produzione a fine 2019

Tesla diventa S3XY con il crossover Model Y in produzione a fine 2019

0
Condivisi
Pinterest Google+

Tesla diventa S3XY con il crossover Model Y in produzione a fine 2019

Ford permettendo, il costruttore californiano di auto elettriche vuole diventare S3XY con la nuova Model Y. Elon Musk ha svelato una nuova e parziale immagine del prossimo crossover a zero emissioni la cui produzione dovrebbe cominciare nel novembre del 2019.

Rischio di una nuova disputa con Ford sul nome

La scadenza non è di quelle ufficiali, anche perché Tesla sta faticando a rispettare i tempi per la Model 3, ma è basata sulle solite indiscrezioni. La nuova Model Y diventerebbe la quarta auto della gamma dopo Model S, Model X e Model 3. Musk riuscirebbe così a completare almeno in parte il “progetto” iniziale che prevedeva tuttavia la Model E (l’impiego della lettera è stata fermata da Ford, che aveva peraltro commercializzato una Model Y fra il 1932 ed il 1937) al posto della 3. A differenza del suv, il crossover non disporrà (così pare) dell’apertura delle porte ad ali di gabbiano.

Model Y sarà il quarto modello della gamma elettrica

La quarta macchina elettrica verrà prodotta sulla base della medesima piattaforma della 3, anche se inizialmente Musk sembrava intenzionato a sostenere lo sviluppo di una inedita architettura. Secondo il manager questa scelta implicherebbe un “rischio tecnico e produttivo relativamente basso”. A quanto pare la Model Y verrebbe assemblata non solo a Fremont, in California, ma dalla fin del 2021 anche in Cina. Tesla starebbe già raccogliendo le offerte dei fornitori. L’interesse per il crossover sarebbe addirittura superiore a quello per la Model 3, per la quale sono stati raccolti pi di 400.000 ordini. La nebulosa immagine rivelata da Musk, lascia intendere una Tesla Model Y senza retrovisori esterni e con un profilo coupé.

Articoli precedente

Tarcisio Riva (Como) fra i 10 premiati col Kiwami Award di Lexus

Articolo successivo

Il GPL aumenta ancora: secondo rincaro di Esso in 24 ore