Home»News»Ferrari 488 Pista: 720 cv per la più racing di Maranello

Ferrari 488 Pista: 720 cv per la più racing di Maranello

0
Condivisi
Pinterest Google+

La Ferrari 488 Pista sarà sicuramente una delle regine del Salone di Ginevra, in programma dall’8 al 18 marzo. In attesa di poterla ammirare dal vivo, la Casa di Maranello ha diffuso le prime foto e informazioni. Erede della 458 Speciale, è la berlinetta con motore V8 più estrema prodotta dalla Ferrari. Evoluzione pistaiola della 488 GTB, è più leggera di 90 e il suo motore eroga 50 cv in più.

“Numeri” che permettono alla nuova 488 Pista di superare i 340 km/h e accelerare da 0 a 100 km/h in soli 2,85 secondi. I 200 km/h si raggiungono in 7,6 secondi. Lo schema meccanico della 488 Pista è rimasto invariato. Il motore in posizione centrale è abbinato al cambio robotizzato a doppia frizione che invia il moto alle ruote posteriori, attraverso un differenziale a controllo elettronico. Ma le modifiche rispetto alla 488 GTB non sono poche.

Ferrari 488 Pista

Un cuore rivitalizzato per la 488 Pista

Per raggiungere la ragguardevole potenza di 720 cv, i tecnici di Maranello hanno lavorato a fondo sul 3.9 V8 biturbo della 488. Il motore è infatti dotato di bielle in titanio alleggerite, di un diverso volano e di nuovi turbocompressori. Anche l’impianto di aspirazione è stato rivisto: i condotti che portano aria fresca al V8 sono vicini all’alettone posteriore. Una zona dove si concentra un flusso d’aria maggiore rispetto alle prese sopra i passaruota posteriori della “normale” 488 GTB.

Grazie all’ampio uso della fibra di carbonio (anche per i cerchi, in optional) il peso complessivo dell’auto è di soli 1.280 kg. Più evoluta è anche l’aerodinamica. Quest’ultima deriva dalle esperienze maturate nelle competizioni in Formula 1 e direttamente dalla 488 Challenge del campionato monocarca del Cavallino. L’estrattore dell’aria posteriore è stato ridisegnato, le appendici aerodinamiche al frontale riviste e utilizzato un inedito alettone posteriore. Secondo i tecnici di Maranello il carico aerodinamico è cresciuto del 20% a tutto vantaggio della tenuta di strada in curva.

Ferrari 488 Pista

Ha un’elettronica più sofisticata

Come tutte le più recenti Ferrari, anche la 488 Pista ha un’elettronica sofisticata che aiuta il guidatore a gestire tutta l’esuberanza del motore. Sul volante non manca quindi l’ormai classico manettino che permette di scegliere tra diversi programmi di guida, in base alle condizioni stradali. Ma rispetto alla 488 GTB sulla Pista debutta il nuovo sistema di controllo di dinamica dell’auto, denominato Side Slip Control 6.0.

Questo sistema riceve sempre le informazioni da sterzo, acceleratore, cambio e sospensioni, ma adesso agisce anche sull’impianto frenante in tempo reale. Grazie al Ferrari Dynamic Enhance, in pratica i freni vengono usati anche per calibrare il comportamento della Ferrari 488 Pista in curva e in forte accelerazione, in modo da assicurare sempre il grip ottimale.

> GUARDA TUTTI I VIDEO DI YELLOW MOTORI SU YOUTUBE

 

 

Articoli precedente

Wyhinny, manager "italiano", guida la spedizione Seat in Cina

Articolo successivo

Opel Insignia GSi: sportiva sì, ma senza troppi eccessi