Home»News»Ford Mustang Bullitt: un omaggio a Steve McQueen

Ford Mustang Bullitt: un omaggio a Steve McQueen

0
Condivisi
Pinterest Google+

Ford Mustang Bullitt. Per gli appassionati di auto ed esperti di cinema già il nome dice tutto. E, in effetti, quella che stata presentata prima al Salone di Detroit e poi esposta a Ginevra è la serie speciale che Ford ha voluto realizzare per celebrare i 50 anni del film “Bullitt”.

Una pellicola che ha reso famosa la coupé americana, grazie a un epico inseguimento dalla durata di 10 minuti lungo le strade di San Francisco. Al volante della Mustang un vero e proprio mito di Hollywood: Steve McQueen. Insomma, un capolavoro per tutti gli appassionati di motori che non può mancare nella propria cineteca.

salone di ginevra 2018

Una “copia” della Mustang del film

Come l’auto originale usata nel film, la Ford Mustang Bullitt è ha la carrozzeria in tinta verde Dark Highland e cromature attorno ai vetri laterali. La mascherina è di colore nero e priva del logo con il cavallo al galoppo tipico delle Mustang e il disegno dei cerchi dei cerchi da 19″ che lasciano intravvedere le pinze freno rosse della Brembo.

Le similitudini continuano anche in abitacolo. Il quadro strumenti, composto da uno schermo digitale da 12″, propone una grafica simile all’auto originale, al pari del pomello del cambio e dei rivestimenti dei pannelli porta e dei sedili con finiture verdi.

Ford Mustang Bullitt: “canta” come negli anni 60

Sotto il lungo cofano della Bullitt pulsa un 5.0 V8. Il motore è abbinato alla trazione posteriore e al cambio manuale a sei marce. Rispetto alle “normali” Mustang eroga 475 cv, grazie alle modifiche apportate all’aspirazione e al corpo farfallato. Sono le stesse che si ritrovano sulla Shelby 350, che però non viene importata in Europa.

Ma a rendere una la Ford Mustang Bullitt è l’impianto di scarico. Questo infatti è dotato di una valvola attiva che tramite un software permette di riprodurre il sound caratteristico della Mustang degli anni 60. Per avere una prova basta guardare il video qui sotto.

> GUARDA TUTTI I VIDEO DI YELLOWMOTORI SUL CANALE DI YOUTUBE

 

 

Articoli precedente

Salone dell'auto di Ginevra 2018: tutte le foto dalla rassegna svizzera

Articolo successivo

Brembo brake by wire: minori tempi di reazione, più sicurezza