Home»News»In Europa l’auto “decolla” in aprile. Bene Jeep e gruppo VW, male il diesel

In Europa l’auto “decolla” in aprile. Bene Jeep e gruppo VW, male il diesel

0
Condivisi
Pinterest Google+

In Europa l’auto “decolla” in aprile. Bene Jeep e gruppo VW, male il diesel

L’Europa dell’auto ha archiviato il miglior aprile degli ultimi dieci anni. Secondo i dati dell’ACEA, lo scorso mese sono state immatricolate nel Vecchio Continente (paesi UE più i tre dell’EFTA) quasi 1,35 milioni di vetture nuove. Si tratta di un aumento di quasi il 10% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Il saldo positivo del primo quadrimestre del 2018 è positivo, +2,6%.

Positivi i grandi mercati, torna positivo anche il Regno Unito

Fra i grandi mercati, l’Italia è quella che è cresciuta meno (+6,5%), mentre la Spagna continua a “galoppare”. Ma per i costruttori la vera buona notizia è arrivata dal Regno Unito, dove dopo mesi di flessioni le vendite sono lievitate di oltre il 10%, anche se l’aprile del 2017 era stato particolarmente debole. Assieme a Francia e Germania, questi paesi valgono il 70% dei volumi ed è quindi significativo il fatto che in questi mercato il diesel abbia perso ulteriormente terreno. In aprile la quota è scesa del 12,2% nel mese e del 17% del quadrimestre.

FCA perde quote, ma nessuno cresce come Jeep nel mese e nel quadrimestre

In Europa tra gennaio a aprile la penetrazione è scesa dal 47 al 39%. Nel mese come nel quadrimestre Jeep è il marchio con il maggior tasso di crescita, rispettivamente del 75 e del 58%. La quota di mercato comincia ad essere interessante perché ha raggiunto e superato il punto percentuale. Per FCA, tuttavia, le buone notizie finiscono qui. Alfa Romeo ha aumentato i volumi del 6,6% in aprile, ma meno della media, anche se dall’inizio dell’anno ha contabilizzato un +13%. Fiat è invece in flessione (-4,7% in aprile e -8,4% da inizio anno) e incide negativamente assieme a Lancia Chrysler sulla quota, crollata nel mese dal 7,4 al 6,8% (dal 7,2 al 6,9% nel quadrimestre).

La riscossa di Volkswagen e del gruppo: Seat sempre sugli scudi

Dopo mesi decisamente difficili Volkswagen e quasi tutti i marchi del gruppo (ad eccezione di Audi) attraversano un gran momento. La casa madre ha chiuso aprile con un aumento dei volumi del 19,6%, preceduta solo da Seat (quasi il 26% in più). Crescite in doppia cifra anche per Skoda e Porsche. Aprile è andato molto bene per DS (+44%), per Toyota e Lexus (entrambe con volumi in aumento di oltre il 20%) e Jaguar (+36%). Pochi i marchi con un saldo negativo nel mese: a parte Fiat e Lancia ci sono Bmw e Land Rover.

Articoli precedente

Aumenti a ripetizione, agli automobilisti non restano che le pompe bianche

Articolo successivo

Ford Kuga: a suo agio in un bagno di fango