Home»News»Peugeot 3008: a listino la versione 1.5 BlueHDi abbinata al cambio EAT8

Peugeot 3008: a listino la versione 1.5 BlueHDi abbinata al cambio EAT8

1
Condivisi
Pinterest Google+

Peugeot 3008 amplia la propria offerta commerciale

La nuova Peugeot 3008 è un modello di successo. A parlare sono i numeri (oltre 40mila esemplari venduti) e i molteplici premi ottenuti, tra cui il titolo di Auto dell’Anno 2017. Risultati destinati a migliorare ulteriormente, in virtù di una gamma ancora più ampia, con motorizzazioni e trasmissioni sempre più efficienti.

A tal proposito le novità di maggio spicco sono rappresentate dai propulsori 1.5 BlueHDi 16v da 130 CV e dal nuovo PureTech Turbo 130 con filtro GPF. Quest’ultimo porta al debutto anche il nuovo cambio manuale a sei rapporti, rivisto negli innesti, al fine di ottimizzare le cambiate e il rendimento. Protagonista indiscusso della gamma 3008, però, rimane il cambio automatico a otto rapporti EAT8.

Sviluppato in collaborazione con Aisin, l’EAT8 permette di ridurre i consumi fino al 7% rispetto all’EAT6, grazie al supporto di due marce aggiuntive e un peso complessivo (della trasmisisone) inferiore. Nell’utilizzo quotidiano, il comando rende possibile un grande comfort di guida in partenza e nelle manovre di parcheggio.

Il nuovo selettore a impulsi (by wire) dell’EAT8 è facile e intuitivo da usare, per la presenza di un comando elettrico ergonomico azionabile col minimo sforzo. Le palette al volante, di serie, permettono di cambiare i rapporti manualmente senza perdere la funzione automatica. Infatti, l’azionamento delle palette quando si è in modalità automatica non comporta il fastidio di dover agire sul selettore del cambio o sulle palette stesse per tornare in automatico, perché il cambio lo fa dopo qualche secondo dall’azionamento dei paddles.

Una grande compagna di viaggio, dal comportamento sincero

Gli accorgimenti tecnici hanno contribuito a confermare, se non addirittura migliorare, il feedback positivo trasmesso dalla Peugeot 3008. Durante un breve test drive, a bordo della versione 1.5 BlueHDi EAT8 abbiamo (ri)assaporato le doti già note della Suv francese. Se guidata in maniera tranquilla, si comporta davvero bene, esibendo un assetto morbido che non fa rimpiangere una taratura maggiormente rigida. Anche sulle asperità più marcate il comfort offerto ai passeggeri rimane inalterato.

Alzando i ritmi di guida, in modalità sport, le dimensioni si fanno sentire: le inerzie che si generano nelle curve più strette avvertono il guidatore che questa non è un’auto da cordoli. Nonostante ciò, anche quando ci si avvicina al limite, la tenuta si mantiene sempre ad alti livelli. Anche forzando l’andatura, infatti, il comportamento rimane sempre molto sicuro e gestibile, con l’elettronica pronta a intervenire in nostro soccorso. Il tutto con un propulsore particolarmente progressivo e lineare e una trasmissione dal comportamento ineccepibile.

Articoli precedente

Tesla produrrà in Cina: via libera alla fabbrica da 500.000 auto l'anno

Articolo successivo

Renault: un numero crescente d'innovazioni hi-tech, al servizio di tutti