Home»News»Le reti che uccidono i pesci eliminano la plastiche dalle prossime Volvo

Le reti che uccidono i pesci eliminano la plastiche dalle prossime Volvo

0
Condivisi
Pinterest Google+

Le reti che uccidono i pesci eliminano la plastiche dalle prossime Volvo

Volvo vuol diventare sempre più sostenibile: non solo dal punto di vista finanziario, ma anche ambientale. Le stesse reti da pesca nelle quali restano mortalmente impigliati i pesci diventano fibre per la consolle delle auto svedesi. Il costruttore ha aveva anticipato la concorrenza annunciando ambiziosi obiettivi sull’elettrificazione ha fatto sapere di voler impiegare almeno il 25% di plastica riciclata con il 2025.

La controllata di Geely chiede la collaborazione dei fornitori

Nello stesso anno le metà delle auto commercializzate dalla casa svedese dovrebbero essere completamente elettriche. Volvo, controllata dai cinesi di Geely, ha anche esortato i fornitori dell’industria automobilistica a “collaborare più strettamente con i costruttori”. L’obiettivo comune deve essere quello di “sviluppare componenti di prossima generazione che siano il più possibile sostenibili”. Nel caso specifico, il riferimento è ad un “contenuto più elevato di materie plastiche riciclate”.

Il rivestimento del pavimento ed i sedili fatti con bottiglie PET

Il costruttore ha dato il proprio contributo esibendo una versione speciale del suv ibrido plug-in XC60 T8 per la cui realizzazione “molti dei componenti in plastica sono stati sostituiti con parti equivalenti realizzate con materiali riciclati”. “Volvo Cars è fortemente impegnata nella riduzione della sua impronta ambientale a livello globale” ha garantito il Ceo Håkan Samuelsson. Sul suv, ad esempio, sono state impiegate plastiche di riciclo ricavate da corde nautiche e reti da pesca per la console. Il rivestimento del pavimento contiene fibre ottenute da bottiglie in PET e un misto di cotone riciclato prodotto dagli scarti di tessuti. Anche per i sedili sono state utilizzate fibre di PET ricavate dalle bottiglie in plastica.

I sedili delle vecchi Volvo diventano uno strato fonoassorbente

E i sedili delle vecchie Volvo sono stati trasformati nel materiale fonoassorbente per il cofano. “Un’ampia azione di riciclaggio e riutilizzo della plastica è essenziale per sostenere gli sforzi che stiamo facendo per invertire l’attuale tendenza verso l’inquinamento da materie plastiche,” ha osservato Erik Solheim, responsabile del Programma ONU per l’Ambiente. La scelta di Volvo è stata naturalmente elogiata: “È possibile risolvere il problema attraverso la progettazione e l’innovazione”, ha aggiunto. Il costruttore si è già impegnato ad eliminare gli oggetti in plastica monouso da sedi ed eventi entro la fine del 2019.

Articoli precedente

Ferrari 250 GTO, in agosto a Pebble Beach l'asta da record per 45 milioni

Articolo successivo

Aseel Al-Hamad: testimonial della rivoluzione automobilistica dell'Arabia Saudita