Home»News»Volvo XC40: al via la produzione della suv svedese

Volvo XC40: al via la produzione della suv svedese

0
Condivisi
Pinterest Google+

Volvo XC40: al via la produzione della suv svedese

La produzione della nuova Volvo XC40 è stata avviata. Con un comunicato la Casa svedese ha annunciato che nella fabbrica belga di Ghent le linee produttive sono pronte per sfornare la nuova suv. Un modello fondamentale per le vendite in Europa che allarga verso il basso la gamma suv della Volvo, che ha già raccolto oltre 13.000 ordini.

La fabbrica di Ghent non è stata scelta a caso. Qui sono state prodotte le XC60 di precedente generazione e continua a produrre V40, V40 Cross Country, S60 e V60. Per la produzione della XC40 la fabbrica belga è stata ampliata di 8.000 metri quadri e dotata di 363 nuovi robot.

Un investimento necessario per far fronte alla produzione della “suvettina” e delle prossime S40 e V40, che saranno sempre costruite sulla piattaforma modulare CMA della XC40. Una piattaforma studiata per accogliere anche le batterie di future versioni ibride o elettriche, in accordo al piano industriale di Volvo che vuole elettrificare la sua gamma.

Volvo XC40

Volvo XC40: preziosa e sicura

Lunga 4,40 metri, la nuova Volvo XC40 si propone quale suv compatta e si inserisce in una fascia di mercato che vede molte competitor. Da quelle premium come Audi Q3 e BMW X1, alle “best seller” come Kia Sportage e Volkswagen Tiguan.

Per fare breccia nei cuori degli automobilisti, la suv svedese punta su un look molto personale, che trae ispirazione da quello delle più grandi XC60 e XC90. E su dotazioni per il comfort e la sicurezza da prima della classe, come da tradizione Volvo.

Al momento del lancio commerciale la Volvo XC40 è disponibile nelle due versioni top di gamma. Sono la benzina T5 con motore 2.0 turbo da 247 cv e la turbodiesel D4 con il quattro cilindri da 190 cv. Entrambi i motori sono abbinati alla trazione integrale e al cambio automatico a 8 rapporti.

Nel corso dell’anno prossimo, però, debutteranno anche versioni meno potenti, compresa una “entry level” con motore a tre cilindri e sola trazione anteriore per chi è particolarmente attento ai costi di gestione. I prezzi al momento partono da 43.250 euro.

> GUARDA TUTTI I VIDEO DI YELLOW MOTORI SUL CANALE DI YOUTUBE

Articoli precedente

Botta e risposta a guida autonoma: intesa Volvo con Uber per 24.000 auto

Articolo successivo

Lilium Jet, il "taxi" a decollo verticale con 36 motori elettrici