Home»Auto sportive»Romeo Ferraris “ritocca” Alfa Romeo 4C, che arriva a 300 CV e 395 NM

Romeo Ferraris “ritocca” Alfa Romeo 4C, che arriva a 300 CV e 395 NM

5
Condivisi
Pinterest Google+

Romeo Ferraris “ritocca” Alfa Romeo 4C, che arriva a 300 CV e 395 NM

Grazie all’aggiornamento di Romeo Ferraris, l’ Alfa Romeo 4C diventa ancora più potente, anche più della variante realizzata da Zender da 275 cv. Grazie all’adozione di un software specifico all’interno della centralina Ecu Bosch MED 17.3.3, la potenza è stata portata a 300 CV e la coppia a 395 giri.

Ricordiamo che la versione di serie arriva a 240 cv e può contare su 350 Nm. Chi ama e, soprattutto, chi può permettersi di guidare Alfa Romeo 4C senza preoccuparsi delle limitazioni del Codice della Strada può così apprezzare maggiormente le potenzialità della leggerissima due posti del Biscione.

 

Carreggiata allargata e altezza da terra ribassata

L’Alfa Romeo 4C by Romeo Ferraris accelera da 0 a 100 in 4,3 secondi, vale a dire 2 decimi in meno rispetto al modello di serie. La velocità massima supera di 10 km/h quella del modello “ordinario” e arriva a 270 orari.

L’officina ha ha allargato anche la carreggiata di 26 millimetri all’anteriore e di 40 al posteriore. Per esaltare la dinamica di guida l’altezza terra è stata ridotta di 2,3 centimetri. Il suond è stato rivisitato con uno scarico Downpipe con catalizzatore 200 celle Romeo Ferraris.

 

Stile ancora più Racing per Alfa Romeo 4C

L’officina di Opera è intervenuta anche sull’estetica del modello facendo ricorso al carbonio, posizionato su quasi tutti i particolari della carrozzeria e degli interni. Al posteriore i fari sono stati arricchiti da una cornice carbon in stile Ferrari 488, che sovrastano l’estrattore posteriore completo con flap.

Il laboratorio Romeo Ferraris ha impiegato generosamente il carbonio (lucido) anche dentro l’abitacolo. Il prestigioso materiale è stato utilizzato per i pannelli delle porte ed i dettagli sulle maniglie, per la leva del freno a mano, le palette del cambio e molto altro ancora.

 

Articoli precedente

Autunno caldo per i prezzi dei carburanti: nuovi rincari per Esso

Articolo successivo

Cifre da scandalo: ICCT "consumi reali del 42% superiori a quelli dichiarati"