Home»Auto sportive»Bmw M2 Competition: un’iniezione (aggiuntiva) di sportività

Bmw M2 Competition: un’iniezione (aggiuntiva) di sportività

1
Condivisi
Pinterest Google+

Bmw M2 Competition: la Serie 2 più potente della storia

La BMW ha sottoposto la M2 a una cura vitaminica. Il risultato ottenuto è la M2 Competition, la Serie 2 più potente mai prodotta dal marchio bavarese. Sotto il cofano c’è un nuovo powertrain, derivato dalle sorelle maggiori M3 e M4, il sei cilindri in linea 3.0 litri TwinPower Turbo, in grado di erogare per l’occasione una potenza di 410 cv (+ 40 cv rispetto alla “classica” M2) e una coppia massima di 550 Nm (+ 85 Nm). Al fine di raffreddare in maniera ottimale il motore, la BMW ha anche apportato alcune modifiche al frontale, aggiornando il paraurti con prese d’aria più grandi e inediti dettagli aerodinamici. Invariata, invece, l’impostazione stilistica sportiva del posteriore.

–> Qui la nostra PROVA IN PISTA della M2

A seconda delle esigenze della clientela, la M2 Competition sarà disponibile sia con cambio manuale a sei rapporti, sia con l’automatico M Dct doppia frizione a sette rapporti. Il tutto in abbinamento all’immancabile trazione posteriore. Oltre al motore l’aggiornamento tecnico comprende anche un assetto aggiornato, un nuovo scarico sportivo e la possibilità di montare l’impianto franante M Sport. Cronometro alla mano, la nuova sportiva può scattare da 0 a 100 km/h in 4,2 secondi (4,4 per la manuale). La velocità di punta è limitata elettronicamente a 250 km/h o 280 km/h nel caso si scelga l’M Driver’s Package. Il prezzo non è ancora stato comunicato.

BMW M2 Competition

Articoli precedente

Il Leone anticipa la Peugeot 508 SW che debutta al Salone di Parigi

Articolo successivo

Chevrolet Camaro: s’incattivisce con il Carbon Pack by Cavauto