Home»Auto sportive»Brabham BT62: una supercar dal fascino antico

Brabham BT62: una supercar dal fascino antico

2
Condivisi
Pinterest Google+

La Brabham è tornata

Agli appassionati di F1 il nome Brabham evocherà sicuramente molti ricordi. Lo storico marchio fondato da Sir. Jack si appresta a scrivere nuove pagine nella storia dell’Automotive grazie al figlio David, ideatore della Brabham Automotive. Il primo modello del brand sarà la BT62. Nel dettaglio, si tratta di una supercar da utilizzare solo in pista. Sarà prodotta in soli 70 esemplari e il suo prezzo (base) supererà il milione di euro.

“È con grande orgoglio che onoro l’eredità di mio padre, rivelando il prossimo capitolo della storia di Brabham” afferma David. “Le conoscenze di cui dispone il nostro team ci permetterà di portare avanti una strategia produttiva di lungo termine. Il primo step della nuova era è rappresentato dalla BT62, un’auto veramente degna dell’iconico nome Brabham”.

Gli omaggi storici sono molteplici, a partire dalla carrozzeria. La livrea verde-oro riprende i colori della BT19, la monoposto che trionfò al Gp Francia del 1966. Anche la scelta della motorizzazione ha voluto enfatizzare un piacere di guida dal “sapore” antico. Sotto al cofano, infatti, c’è un V8 aspirato da 5.4 litri, capace di erogare ben 710 cv (667 Nm di coppia massima). Al suo fianco, una trasmissione sequenziale a sei marce e sospensioni da competizione, completamente regolabili. Realizzata in fibra di carbonio, la carrozzeria permette di contenere il peso a 972 kg e ottimizzare il flusso aerodinamico attraverso generose prese d’aria e un imponente alettone. Ancora più impressionante è il dato relativo alla capacità di carico aerodinamico: 1.200 kg, che sicuramente incolleranno alla strada la BT62 in ogni situazione.

L’abitacolo, in perfetto stile corsaiolo, risulta essenziale. Si caratterizza per finiture in Alcantara abbinate a sedili sportivi in carbonio, con cinture (ovviamente) a sei punti. Il volante in carbonio, derivato dai prototipi da gara, integra i comandi per gestire le principali funzionalità di bordo. Le informazioni complete vengono poi riportate sul display da 12” presente sulla console centrale.

 

Articoli precedente

Cresce la gamma "X": nel 2019 arriva BMW X7, il suv a 7 posti da 510 mm

Articolo successivo

Pneumatici truck cinesi, l'UE impone dazi provvisori per sei mesi