Home»Auto sportive»Dakar 2018, il rally dei 40 anni per entrare nella leggenda, 11 donne al via

Dakar 2018, il rally dei 40 anni per entrare nella leggenda, 11 donne al via

0
Condivisi
Pinterest Google+

Dakar 2018, il rally dei 40 anni per entrare nella leggenda, 11 donne al via

Quasi 9.000 chilometri, di cui quasi la metà contro il tempo, per entrare nella storia: la Dakar 2018 è l’edizione dei 40 anni. Per la decima volta si disputa in Sud America. Per Étienne Lavigne, direttore del rally più massacrante al mondo, sarà un “evento eccezionale”.

Settantotto debuttanti fra i 515 iscritti

Anche solo dal punto di vista dei numeri con 515 iscritti tra moto e quad (190), auto (100) e truck (42). La Dakar 2018 scatta il 6 gennaio da Lima, in Perù, e si conclude dopo 14 tappe il 20 a Cordoba, in Argentina, dopo aver attraversato per la quinta volta la Bolivia. I debuttanti assoluti sono 78, le donne al via sono 11. E anche loro dovranno fare i conti con i cinque durissimi giorni a oltre 3.000 metri di quota. La metà delle prove contro il tempo si corre interamente tra le dune ed in fuoristrada: uno sforzo tremendo per i veicoli e per le persone.

Il 22% dei partecipanti è di nazionalità francese

Al via ci sarà ancora la leggenda della competizione, Stéphane Peterhansel, che ha vinto le ultime due edizioni per un totale di 13 successi. Il francese, che guida la Peugeot 3008 DKR, ha collezionato 6 affermazioni in moto e 7 in auto. Assieme al connazionale (la Francia è la nazione più rappresentata con il 22% degli iscritti) Cyril Dspres detiene anche il record di vittorie di tappa in auto: 33. Il russo Vladmir Chagin è già arrivato a 63 con i camion. La Dakar 2018 è il maggior evento automobilistico dopo la Formula 1. E, a quanto pare, contribuisce anche a trasferire (almeno un po’) di ricchezza in America Latina. Dal 2009, l’impatto del rally sui paesi ospitanti è stato calcolato in 300 milioni di dollari l’anno.

Sfida a tre per la vittoria: Peugeot, Toyota e Mini

Quest’anno gli iscritti, inclusi gli equipaggi di appoggio, arrivano da 54 nazioni. I giornalisti finora accreditati ne rappresentano 32 e sono già poco meno di 1.500. I costruttori in lotta per il titolo sono Peugeot, Toyota e Mini. La Dakar 2018 sarà anche la vetrina per Borgward, il brand tedesco riesumato con le risorse cinesi di Foton. Il suv da rally era schierato davanti all’ingresso del Pavillon d’Armenonville. Il BX7 partirà con il numero 313 e sarà pilotato dal cileno Nicolas Fuchs che avrà a fianco Adrian Fernando Mussano, un argentino. Gli italiani al via sono venti, fra i quali una delle 11 donne, Camelia Liparoti.

Articoli precedente

Maserati Ghibli 2018: finalmente è arrivata l'ora degli ADAS

Articolo successivo

L'incubo dei conti per la fabbrica dei sogni: Tesla perde 480.000 dollari l'ora