Home»Auto sportive»Sébastien Loeb trionfa nel Rally di Catalogna. Il WRC si decide in Australia

Sébastien Loeb trionfa nel Rally di Catalogna. Il WRC si decide in Australia

0
Condivisi
Pinterest Google+

Sébastien Loeb trionfa nel Rally di Catalogna. Il WRC si decide in Australia

A oltre 5 anni di distanza dall’ultima affermazione nel WRC (nel 2013 in Argentina), Sébastien Loeb è tornato al successo nella specialità in cui ha ottenuto 9 titoli mondiali. Con il Rally di Catalogna, penultima gara della stagione 2018, il numero delle sue vittorie iridate è salito a 79, quasi uno ogni due partecipazioni.

Sébastien Ogier torna in testa alla classifica del WRC

Il fuoriclasse francese ha guidato la Citroen C3 alla prima affermazione di questa travagliata stagione. Il “cannibale” ha preceduto di 2,9 secondi il connazionale Sébastien Ogier (Ford Fiesta) che si gioca il sesto titolo iridato consecutivo il prossimo mese in Australia. La sfida è tra lui e Thierry Neuville (Hyundai i20 coupé), arrivato quarto. Proprio nel power stage il belga è stato scavalcato a Elfyn Evans che non solo ha consentito alla M-Sport di riportare due Fiesta sul podio, ma anche ad Ogier di superarlo nella classifica generale mondiale. Il francese partirà in Australia con 3 punti di vantaggio su Neuville: 204 contro 201.

Ott Tänak ormai tagliato fuori dalla corsa per il titolo

Ott Tänak, l’estone al volante della Toyota Yaris, è fuori dai giochi. Anche in Spagna era davanti, ma è stato poi “condannato” da una foratura nella giornata di sabato. Alla fine è arrivato sesto vincendo anche il power stage, ma con 181 punti potrebbe non bastargli l’eventuale “en plein”: deve anche sperare che i suoi rivali vadano praticamente in bianco. Il mondiale, insomma, non è più nelle sue mani. Alle spalle di Loeb, Ogier Evans e Nueville si è inserito Dani Sordo (Hyundai i20 coupé), che con un tempo migliore di un secondo (quinto) rispetto al compagno di squadra belga gli ha sfilato il prezioso punto del power stage.

A metà novembre il verdetto: peccato non ci sia Loeb

L’estone ha preceduto i colleghi del team Toyota Gazoo Esapekka Lappi e Jari Matti Latvala, che era sembrato in grado di poter vincere la gara. Tuttavia Latvala, in testa all’ultimo riposo, aveva perso la guida del rally già con il primo stage di domenica, lamentando un eccessivo sottosterzo. Nella Top 10 ci sono ancora la seconda Citroen C3, quella di Craig Breen, e la terza i20 coupé, quella di Andreas Mikkelsen. Il mondiale si conclude tra il 15 ed il 18 novembre a Coffs Harbour, in Australia: esattamente come il titolo piloti, anche quello costruttori è ancora in bilico. Ed è un peccato che Loeb non vi prenda parte.

 

 

 

 

 

Articoli precedente

McLaren Speedtail, la hyper GT da 403 km/h che sfida la Bugatti Chiron

Articolo successivo

Jaguar I-Pace: con il suv elettrico inglese alla scoperta del kitesurf