Home»Auto sportive»McLaren Senna, bolide per la pista omologato anche per la strada

McLaren Senna, bolide per la pista omologato anche per la strada

0
Condivisi
Pinterest Google+

McLaren Senna, bolide per la pista omologato anche per la strada

“Un’auto come nessun’altra”: parola di Mike Flewitt, Ceo di McLaren Automotive, a proposito della McLaren Senna. “È la personificazione del Dna sportivo di McLaren”, ha aggiunto il manager. La vettura è stata omologata anche per la strada, malgrado sia stata disegnata e sviluppata per eccellere in pista.

La sostenibile leggerezza della vettura omaggio ad una leggenda

La versione Senna è il nuovo modello della gamma Ultimate Series ed è inevitabilmente la vettura da strada più estrema mai costruita. Lo stesso nome è un omaggio ad una leggenda del motorsport, Ayrton Senna. Ed è un omaggio al suo “credo”: “Ti impegni a un livello tale che non ci siano compromessi. Tu dai tutto ciò che hai. Tutto, assolutamente tutto”. Anche per questo l’asso brasiliano è deceduto nel 1994 a soli 34 anni in seguito ad un incidente nel GP di San Marino. Dopo quella di Formula 1, la McLaren Senna è la più vettura leggera della casa britannica. Pesa meno di 1.200 kg, 1.194 per l’esattezza.

McLaren Senna da 945.500 euro, Iva inclusa

È alimentata da un brutale motore V8 turbcompresso da 4.0 litri da 800 CV e 800 Nm di coppia: è il più potente mai montato da una McLaren stradale. Propulsore e trazione sono al posteriore. Il rapporto peso/potenza fa venire i brividi 668 CV per tonnellata. Collezionisti ed appassionati non devono tentennare: la produzione è di appena 500 esemplari, alcuni dei quali certamente già venduti. Gli pneumatici sono “italiani”, cioè i Pirelli P Zero Trofeo R sviluppati appositamente e congiuntamente da McLaren ed il brand nazionale a controllo cinese. La produzione comincerà nel terzo trimestre del 2018 a Surrey. Il prezzo italiano è di 945.500 euro. Per consolarsi: l’Iva è inclusa.

Articoli precedente

Mercedes Classe E Cabrio: fa freddo? Fatti un giro in Cabrio

Articolo successivo

Dieselgate, il conto del CNR sui test delle emissioni più caro dell'auto