Home»Auto sportive»Mini all’assalto della Dakar con tre nuove Buggy a trazione posteriore

Mini all’assalto della Dakar con tre nuove Buggy a trazione posteriore

0
Condivisi
Pinterest Google+

Mini all’assalto della Dakar con tre nuove Buggy a trazione posteriore

Con tre nuove Buggy a trazione anteriore e con quattro “vecchie” All4, Mini punta a vincere la 40° edizione della Dakar che scatta il 6 gennaio da Lima, in Perù. La casa britannica controllata da Bmw ha svelato a Parigi in anteprima mondiale la Mini John Cooper Works Buggy.

Stesso motore per le John Cooper Works Works Buggy e Rally

Il modello, più basso e più leggero rispetto alla Rally All4, monta un motore turbo da 3.0 litri da 340 cavalli da 800 Nm di coppia da 190 chilometri all’ora di velocità massima. L’unità diesel è la stessa della versione a trazione integrale, che però arriva a 184 km/h. L’obiettivo è quello di trionfare (di nuovo) nel rally più impegnativo del mondo, dominato per 4 anni tra il 2012 ed il 2015. Le ultime due edizioni sono state una passerella per la “leggera” Peugeot, prima 2008 e poi 3008. Il Leone schiera di nuovo Stéphane Peterhansel, il pilota che ha già vinto 13 volte il massacrante rally, il cui itinerario verrà presentato questa mattina a Parigi.

Nani Roma torna in Mini e guida la “vecchia” All4 Racing

Con sette vetture ufficiali, Mini ragiona in grande e ripresenta lo spagnolo Nani Roma dopo un anno di “esilio” in Toyota. Il pilota iberico ha contribuito allo sviluppo della Buggy, ma guiderà una Rally. Roma ha vinto due volte la Dakar: una volta in moto ed una in auto, nel 2014, proprio con Mini. Le altre tre vetture a trazione integrale – che quest’anno pesano “solo” 1.850 kg e possono disporre di nuove sospensioni con 3 centimetri di escursione in più – saranno guidate dall’argentino Orlando Terranova, dal polacco Jakub Przygonski e dal cileno Boris Garafulic.

Hirvonen, Menzies e Ali-Rajhi al volante delle Buggy

Al volante tre Mini John Cooper Works Buggy ci saranno il finnico Mikko Hirvonen, lo spericolato americano Bryce Menzies costretto a rimandare al 2018 l’esordio fissato per lo scorso gennaio, ed il saudita Yazeed Ali-Rajhi. La Mini John Cooper Works monta freni Brembo e misura 4,332 metri di lunghezza (3,1 di passo), 2,2 di larghezza e 1,935 di altezza. Le dimensioni della Rally sono 4,35 (2,9 di passo), 1,999 e 2,000.

Articoli precedente

"Sepolta" dagli airbag, Takata diventa americana per 1,6 miliardi di dollari

Articolo successivo

Mercedes: inedita limited edition per la Classe G