Home»Auto sportive»Record elettrico a 378 km/h per Lucid Motors Air

Record elettrico a 378 km/h per Lucid Motors Air

0
Condivisi
Pinterest Google+

Un record da 378 km/h: Lucid Motors Air è diventata l’auto elettrica più veloce al mondo. Ad annunciare il nuovo primato è stata la stessa società americana, che ha dichiarato come il test da guinness sia avvenuto lungo un circuito nello stato dell’Ohio. La variante di Lucid Motors Air che ha raggiunto l’andatura da capogiro montava pneumatici speciali, disponeva di un’aerodinamica ottimizzata ed era completamente “svuotata”. Una precisazione d’obbligo nel caso qualche (futuro) cliente si dovesse sentire in obbligo di ripetere il tentativo di record, magari prestando attenzione ad un problema di surriscaldamento a quanto pare rilevato nel corso del test. Il sogno elettrico ad alte prestazioni viene coltivato in California dal 2007, quando venne fondata la Atieva: una nome più convincente di quello scelto in seguito, Lucid Motors appunto, ma questo è un altro discorso.

La declinazione più potente di Lucid Motors Air è quella da 1.000 CV distribuiti sui due motori elettrici che spingono la supercar. L’autonomia dichiarata è di non meno di 640 chilometri. Le batterie sono agli ioni di litio fornite da Samsung ed una hanno una capacità di 90 kWh. Nella versione di serie, la velocità massima verrà limitata a “soli” (si fa per dire) 300 km/h, anche se lo spunto da 0 a 100 dovrebbe comunque rimanere quasi da record, meno di 2,7 secondi. La potenziale rivale di Tesla viene offerta ad un prezzo di 60.000 dollari nella declinazione da 400 CV (400 chilometri di raggio d’azione). Per la versione da 1.000 ne serviranno almeno 100.000, almeno per l’annunciata Launch Edition prodotta in 255 esemplari e per i quali è richiesto un modico anticipo di 25.000 dollari. La produzione dovrebbe cominciare nel corso del 2017 nel sito di Casa Grande, in Arizona, dove fino al 2022 sono previsti investimenti nell’ordine di 700 milioni di dollari.

Articoli precedente

La rinascita ibrida di TX5, il black cab di Londra di Geely e Volvo

Articolo successivo

Omnicraft, marchio Ford per i ricambi: "Più business nell'after sales"