Home»Auto sportive»Jaguar XE SV Project 8, record al Nürburgring. “Battuta” la Giulia

Jaguar XE SV Project 8, record al Nürburgring. “Battuta” la Giulia

0
Condivisi
Pinterest Google+

Jaguar XE SV Project 8, record al Nürburgring. “Battuta” la Giulia

Quattro porte da record. La nuova berlina più veloce al mondo sulla Nordschleife del Nürburgring è la Jaguar XE SV Project 8 da 600 CV. Il modello sviluppato della divisione Special Operation (SVO) di JLR ha girato in 7 minuti, 21 secondi e 2 decimi.

Il 75% della meccanica modificato dalla SVO di JLR

Nessun’altra berlina a quattro porte di produzione aveva ottenuto un simile crono. La “documentazione” della prova è stata postata in rete, con un filmato di poco meno di 8 minuti. La XE SV Project 8 è la “Jaguar più estrema di sempre”, informa lo stesso costruttore. Che spiega come sia stata non solo progettata, ma ingegnerizzata ed assemblata a mano dalla divisione SVO. Lo spunto da 0 a 100 km/ è di 3,7 secondi, mentre la velocità massima è di 320 orari. Rispetto al modello di serie, solo il rivestimento del tetto e delle portiere è rimasto identico: il 75% della meccanica è completamente nuovo.

Record sfilato per 11 secondi alla Giulia Quadrifoglio

L’esclusiva variante è disponibile in appena 300 esemplari al costo non indifferente di almeno 170.000 euro. La “nicchia” di mercato della auto ad alte (ed altissime) prestazioni viene ormai presidiata da tutti i costruttori. I volumi sono limitati, ma i margini sono importanti. E, tra l’altro, sono vetture che sostengono l’immagine dei brand malgrado pochissimi se le possano permettere. E ancora meno possano sfruttarne integralmente le potenzialità. La XE SV Project 8 ha limato di 11 secondi il precedente record, che apparteneva all’Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio. La berlina italiana ha però 510 CV e non 600. Nel giro record, al volante della vettura britannica c’era Vincent Radermecker.

Articoli precedente

Il gran ritorno: Alfa Romeo in Formula 1 dal 2018 con la svizzera Sauber

Articolo successivo

Ok, il prezzo non era giusto: PSA rivuole soldi da General Motors per Opel