Home»Auto sportive»Polo GTI R5, la compatta con la quale Volkswagen rientra nel rally

Polo GTI R5, la compatta con la quale Volkswagen rientra nel rally

0
Condivisi
Pinterest Google+

Polo GTI R5, la compatta con la quale Volkswagen rientra nel rally

Volkswagen torna nel rally: non più come costruttore ufficiale, ma con la nuova Polo GTI R5 per i privati. Il colosso tedesco ha dominato il FIA World Rally Championship per quattro stagioni, fino al 2016, quando ha annunciato il ritiro malgrado avesse già messo a punto l’evoluzione della Polo R.

Volkswagen Polo GTI R5 da 270 CV

Adesso rientra con una vettura da competizione basata sulla nuova Polo GTI destinata a correre in numerosi campionati nel mondo. Una interessante nicchia di mercato alla quale tutti i costruttori dedicano sempre più attenzione. La versione da rally della compatta tedesca arriverà nella seconda metà del 2018 e monterà un motore a quattro cilindri da 270 CV. L’omologazione FIA consente alla Polo GTI R5 di competere anche nel WRC. “Vogliamo mettere la nostra esperienza derivata da quattro titoli WRC al servizio dei clienti”, ha sintetizzato Sven Smeets, capo di Volkswagen Motorsport. Lo sviluppo della vettura della quale è stato finora diffuso solo un bozzetto è cominciato all’inizio di quest’anno.

Sviluppo curato da Demaison e de Jongh

Già entro la fine del 2017 sono in programma i primi test su strada. La nuova Polo GTI è stata ispirata dalla pluridecorata Polo R. Alla sua messa a punto, del resto, hanno lavorato proprio  François-Xavier “FX” Demaison, padre della Polo R WRC, e Gerard-Jan de Jongh, ingegnere di gara di Sébastien Ogier. Anche senza di lui, il francese ha appena vinto il quinto titolo iridato consecutivo portando al successo la Fiesta. Il quattro cilindri turbo benzina ad iniezione diretta è abbinato alla trazione integrale, alla trasmissione sequenziale da corsa a cinque rapporti ed a dotazioni di sicurezza che rispettano le disposizioni FIA.

Articoli precedente

Terzo Millennio, la elettro Lamborghini sviluppata assieme al MIT di Boston

Articolo successivo

Proseguono i rincari, sempre di 10 millesimi al litro: oggi tocca a Q8