Home»Test»Anche la Panamera Sport Turismo ha ora la versione superibrida

Anche la Panamera Sport Turismo ha ora la versione superibrida

0
Condivisi
Pinterest Google+

POCHE MODIFICHE MA DI GRANDE EFFETTO

La Panamera nella nuova versione Sport Turismo si è già accaparrata almeno la metà dei clienti della superberlina tedesca. Forse neppure a Stoccarda si aspettavano un successo del genere visto che, dopotutto, le variazioni introdotte dalla Sport Turismo non stravolgono il progetto originale, ma lo affinano: bagagliaio leggermente più ampio (da 20 a 50 litri in funzione di quanto si utilizza il divano posteriore), soglia di carico abbassata a 63 cm, divano 2+1 (cioè con un posto centrale adatto a un bimbo o ad ospitare un adulto in caso di emergenza) e diverso profilo del tetto nella zona posteriore per aumentare l’abitabilità verticale e facilitare l’accesso all’auto.

BITURBO + MOTORE ELETTRICO

Insomma, nonostante un prezzo superiore a quello della Panamera “normale” di circa 3 mila euro, a parità di allestimento e motorizzazione, la Sport Turismo pare aver fatto centro e, quindi era doveroso che anche “lei” avesse accesso a tutte le motorizzazioni disponibili per l’“altra”. Arriva quindi anche per la Sport Turismo la meccanica “superibrida”, vale a dire quella finalizzata anche alle prestazioni e non prevalentemente all’efficienza energetica come nel caso della E-Hybrid normale. Come per la sedan, quindi, al V8 biturbobenzina di 4 litri da 550 CV (lo stesso della Turbo S) si aggiunge un motore elettrico da 100 kW (136 CV), che porta la potenza finale effettivamente disponibile al livello eccezionale di 680 CV. Ma a sorprendere ancora di più è la coppia massima complessiva, che arriva al picco stratosferico di 850 Nm già a 1.400 giri e poi continua ad essere erogata senza flessioni praticamente fino a 6.000.

L’ACCELERAZIONE È SPAVENTOSA

Ne conseguono capacità di accelerazione e ripresa pazzesche per una berlina da 2.400 kg a vuoto. In uscita dalle curve strette, la Turbo S E-Hybrid guadagna velocità quasi come una 911 Turbo e in un attimo ci si trova proiettati a velocità incredibili. La Porsche dichiara 310 km/h di velocità massima, 3,4 secondi per passare da 0 a 100 km/h, chd diventano 11,9 per toccare i 200. L’assetto attivo tiene l’auto sempre in perfetto equilibrio e permette una maneggevolezza impensabile. E se si monta il ponte posteriore sterzante in fase o controfase, secondo la velocità – in pratica l’unico optional per quanto riguarda la guida, visto che le sospensioni intelligenti e i freni carboceramici sono di serie – la rapidità di sterzata nei cambi di direzione è quella di una sportiva “tout court”. La trazione è integrale e il cambio è l’eccellente PDK a doppia frizione con 8 rapporti.

49 KM SENZA EMISSIONI

E trattandosi di una ibrida plug-in c’è anche la possibilità di viaggiare in modalità solo elettrica per un massimo di 49 km e anche di raggiungere i 140 km/h senza la collaborazione del motore termico. Il sistema ibrido può essere settato in vari modi, secondo il genere di utilizzo che si vuol fare dell’auto, ma la modalità Hybrid Auto che combina i motori termico ed elettrico in funzione della massima resa è quella più “furba”, pur mantenendo le prestazioni a livelli sensazionali. E, comunque, c’è anche una modalità E-Charge che permette di ricaricare la batteria mentre si marcia utilizzando l’alternatore collegato al V8. Non è un approccio del tutto efficiente, ma è sicuramente molto comodo perché permette di ritrovarsi con la massima autonomia a “emissioni zero” anche dopo un viaggio lungo.

RICARICA RAPIDA

Se invece si allaccia questa Panamera a una normale presa elettrica occorrono 6 ore per un pieno completo, che però possono scendere fino a 2,4 ore se si utilizza il caricabatterie opzionale e si ha a disposizione un allacciamento da 230 Volt e 32 Ampere. In tutto questo, in base al nuovo ciclo di misurazione europeo (NEDC) la Panamera Turbo S E-Hybrid Sport Turismo percorre 100 km con 3 litri di benzina e 17,6 kWh. Che probabilmente non rappresenterà una motivazione all’acquisto determinante per chi può firmare un assegno da 194 mila euro, optional esclusi, però la dice tutta sulla bontà tecnica della vettura.

Articoli precedente

Leon Cupra R, la Seat stradale più potente di sempre in Italia con 300 CV

Articolo successivo

L'Italia senza motor show mondiali ha il presidente del comitato Saloni OICA