Home»Test»Audi TT RS: ora graffia anche tra i cordoli. Non solo su strada

Audi TT RS: ora graffia anche tra i cordoli. Non solo su strada

0
Condivisi
Pinterest Google+

Audi TT RS: un’alternativa a Porsche?

La nuova Audi TT RS può essere la scelta giusta per chi è alla ricerca di una coupé ad alte prestazioni, ma non vuole la “solita” Porsche… giusto per restare all’interno dello stesso Gruppo. Le motivazioni possono essere molte. A differenza delle cugine di Stoccarda come la 718 Cayman, la TT RS ha la trazione integrale e non le sole due ruote motrici posteriori. Offre in più due sedili posteriori (adatti solo a chi non è troppo alto). E ha un brand meno impegnativo da portare a spasso. Insomma, se la si sceglie di un colore poco vistoso può passare anche quasi inosservata agli occhi dei più.

Audi TT RS

I dettagli la rendono sportiva

Certo, con prese d’aria maggiorate, alettone posteriore fisso, grosse ruote da 19″ (20 optional) e doppio terminale di scarico ovale, la TT RS fa subito capire di che pasta è fatta. E se ci fosse qualche dubbio, questo sparisce non appena si aprono le portiere! I sedili sono di tipo profilato (ma non troppo costrittivi) e il volante integra in bella mostra il tasto di avviamento. Una volta seduti al posto di guida si respira un’atmosfera “racing”, merito anche del quadro strumenti digitale da 12,3 pollici che in modalità “RS” mostra in primo piano il contagiri e informazioni  come pressione dei pneumatici, coppia motore e forze g.

Dettagli sportivi a parte, per il resto si ritrovano le stesse caratteristiche comuni alle altre versioni meno estreme della TT. L’abitacolo è piuttosto ben rifinito e propone due strapuntini posteriori. Lo spazio in altezza è ridotto, ma due bambini stanno comodi ed eventualmente uno o due adulti (a patto che non siano dei giocatori di basket) possono trovare posto per un breve tragitto. Se non altro, potendo reclinare gli schienali posteriori è possibile incrementare ulteriormente il bagagliaio, già buono per una coupé di questo così sportivo. In questo caso il volume passa da 305 a 702 litri.

Un motore che ha fatto la storia dell’Audi

Cuore dell’Audi TT RS è il 2.5 a cinque cilindri turbo a iniezione diretta di benzina. Un motore che ha scritto la storia della Casa tedesca debuttando nei rally con le mitiche Audi quattro degli anni 80 e che in tutti questi anni è andato evolvendosi. Rispetto alla versione che equipaggiava la precedente generazione della TT RS è più leggero di 26 kg, ma anche più potete del 17%. Grazie a diversi affinamenti, adesso eroga ben 400 cv e una coppia massima di 480 Nm. Numeri che permettono alla TT RS di raggiungere i 280 km/h (se priva di limitatore di velocità) e di passare da 0 a 100 km/h in soli 3,7 secondi.

Un motore che convince sotto tanti punti di vista… da una parte offre sempre un’erogazione fluida e pronta della coppia. Dall’altra ha un sound davvero caratteristico che viene amplificato se si preme il tasto “sound” sulla consolle centrale che apre una valvola allo scarico.

Audi TT RS

Una saetta tra le curve

Ma ridurre l’esperienza di guida al volante dell’Audi TT RS ai freddi numeri delle prestazioni dichiarate sarebbe riduttivo. Grazie alle dimensioni particolarmente contenute (è lunga 4,19 m.), al passo di 2,51 metri e al baricentro basso, la TT RS passa velocemente da un appoggio all’altro. Il ridotto rollio e la grande tenuta di strada offerta dalla trazione integrale quattro con frizione a lamelle permettono di mantenere andature elevate in curva. Mentre i comandi dello sterzo immediati e la reattività dell’assetto regalano inserimenti in curva precisi, anche brutali in pista. Un contesto, quest’ultimo, dove si può apprezzare fino in fondo la velocità dei passaggi di marcia del cambio robotizzato a doppia frizione S tronic e la potenza dell’impianto frenante. Di serie i freni sono in acciaio, ma nella lista degli optional si possono scegliere i dischi anteriori carboceramici per una massima resa nell’utilizzo più gravoso.

Particolarmente consigliate, sempre tra gli accessori a pagamento, sono le sospensioni a controllo elettronico. Si integrano nelle diverse modalità di guida dell’auto che regolano la risposta di cambio, motore e  controlli elettronici, e permettono di trasformare la TT RS da una belva da pista a una (piuttosto) comoda coupé sportiva, da usare anche tutti i giorni per il classico tragitto casa-lavoro.

Audi TT RS: c’è anche Roadster

L’Audi TT RS è già in vendita al prezzo di 73.700 euro. Ma per chi ama guidare con il vento tra i capelli è disponibile anche nella versione Roadster. Impone la rinuncia dei due posti posteriori, ma ha una pratica capote in tessuto che si reclina elettricamente in soli 10 secondi, anche in movimento fino a una velocità massima di 50 km/h. In questo caso il prezzo di listino sale a 77.400 euro.

 

 

Articoli precedente

Yellow in TV: puntata del 20 ottobre 2017

Articolo successivo

McLaren 720S: ha tutto per giocare un brutto scherzo al "Cavallino"