Home»Test»Su strada con la nuova DS7 Crossback: lusso e comfort in formato suv

Su strada con la nuova DS7 Crossback: lusso e comfort in formato suv

1
Condivisi
Pinterest Google+

Mancava fino ad oggi in gamma DS un SUV, carrozzeria imprescindibile se si hanno serie intenzioni di aggredire il mercato. Mancava, all’imperfetto, perché oggi non manca più, visto che è imminente (10 e 11 marzo) il lancio in tutti i DS Store e DS Salon italiani della nuova DS7 Crossback. Un modello che viene spedito dai francesi a fare la guerra a concorrenti temibili chiamate Audi Q3 e BMW X1, e pure dai nomi freschi di stampa come Volvo XC40 e Jaguar I-Pace. Nel 2018 prevedono di venderne 2.500 (su 4.000 DS totali), con la regina della nicchia, la Range Rover Evoque, che nel 2017 in Italia ne ha vendute oltre 7.700, tanto per farsi un’idea delle mire del Gruppo PSA.

E adesso si fa sul serio

Un innesto coerente con l’idea di Parigi di fare del suo brand di lusso un protagonista importante sulla scena mondiale. Il marchio lancerà cinque prodotti nei prossimi cinque anni, terminando il ciclo con sei modelli all’attivo. Saranno auto che strizzeranno più di un occhio alle propulsioni alternative: già la prossima vettura, attesa per il Salone di Parigi di ottobre, verrà lanciata prima in versione full electric e poi in variante ibrida. Nessuna sorpresa: l’orientamento del brand in proposito è esplicito già da tempo, basti considerare la scelta di partecipare alla Formula E fin dalla seconda stagione.

Design esterno e lusso interno

Tornando alla DS7 Crossback, vediamo quali sono le caratteristiche che, piaciute quelle, dovrebbero spingere i clienti a preferirla rispetto alle altre proposte che affollano il mercato. Il design esterno innanzitutto, molto caratterizzato, con i fari DS Active Led Vision settabili su cinque diversi fasci luminosi, fari posteriori 3D con lavorazione a scaglie e nove tinte di carrozzeria. Il lussuoso abitacolo, con il filo conduttore dell’elemento piramidale e cinque diverse “ispirazioni” (vengono chiamati così gli arredamenti interni). Tutte giocano su materiali pregiati e lavorazioni ispirate all’alta moda, con la particolarità dell’orologio BRM R180 studiato per innestarsi con eleganza sulla plancia. Abitacolo lussuoso sì, ma anche estremamente confortevole: l’ottima abitabilità anche posteriore data da una lunghezza vettura (4,57 metri) maggiore della media del segmento, il sistema audio hifi Focal con 14 altoparlanti, e sedili certificati AGR, l’ente tedesco che attesta l’idoneità di schienali e sedute a supportare efficacemente corpo e schiene dei passeggeri.

Tecnologia di sicurezza al top

Tecnologia, con diversi dispositivi forse singolarmente presenti anche su molti competitor, ma con un cumulo che fa la differenza. Parliamo del DS Connected Pilot che associa Adaptive Cruise Control e Lane Keeping Assist: mantiene la vettura in carreggiata e adegua la velocità a quella dell’auto che precede arrivando, nelle versioni con stop&start, a fermare il veicolo quando la coda si arresta. Il Driver Attention Monitoring, che si avvale di telecamere ad infrarossi in grado di leggere i movimenti del volto del guidatore e il ritmo e la cadenza della chiusura degli occhi: rileva eventuali disattenzioni e richiama all’ordine il pilota con un segnale visivo e sonoro. Finito qui? Neanche per sogno. L’aspetto sicurezza è completato dal DS Night Vision che utilizza una camera nascosta nella griglia anteriore per individuare meglio pedoni e animali grazie alla rilevazione della temperatura corporea.

Terga coccolate con sospensioni adattive indipendenti

Alto anche il livello di comfort: il DS Active Scan Suspension è in grado di comandare le quattro sospensioni in modo costante e indipendente grazie ad una camera incaricata di sorvegliare lo stato dell’asfalto. E infine una gamma motori articolata su tre benzina (da 225, 180 e 130 CV) e due diesel (da 130 e 180 CV). Noi abbiamo testato la versione che sarà la bestseller, il 2.0 da 180 CV con cambio automatico a 8 rapporti: sarà a listino a 45.950 euro, mentre il prezzo di ingresso è stato fissato a 31.100. E’ indubbiamente delle due diesel la più adeguata a spingere con agilità il non esile SUV tra le curve e farlo sfrecciare in autostrada in un assoluto comfort acustico. La DS7 Crossback non è un modello sportivo, certo, ma il feeling è ottimo, la posizione di guida conferisce assoluto controllo, sia della situazione interna che di quella esterna, con l’automatico, fluido e impercettibile nella sua azione, a completare l’esperienza.

Articoli precedente

Jaguar I-Pace: il suv diventa elettrico e sportivo

Articolo successivo

Renault Clio RS 18: un omaggio alla Formula 1