Home»Test»Ford Transit Custom, le comodità dell’auto sul commerciale leggero

Ford Transit Custom, le comodità dell’auto sul commerciale leggero

0
Condivisi
Pinterest Google+

Ford Transit Custom, le comodità dell’auto sul commerciale leggero

Più auto nei veicoli commerciali: il restyling di Ford Transit Custom è un esempio del trasferimento di comfort e tecnologie da parte dell’Ovale Blu. L’aggiornato Lcv sarà ordinabile a partire dall’inizio del 2018 e le prime consegne non dovrebbero tardare oltre i primi di marzo. Tra le novità c’è anche una versione Sport (nelle immagini), destinata ai professionisti che apprezzano il dinamismo. Silenzioso quanto basta, alto il giusto, si guida come un’auto: anche se è molto più ingombrante e decisamente più pesante. E con la tecnologia di supporto praticamente non si fa fatica.

Variante ibrida di Ford Transit Custom nel 2019

Nel 2019 arriverà anche la declinazione ibrida plug-in accreditata di un’autonomia a zero emissioni di 50 chilometri e di una totale di 500. Prima verrà rinnovata l’intera gamma, inclusi i Transit Connect e Courier. Il Ford Custom è il veicolo commerciale da una tonnellata più venduto d’Europa. Misura poco meno di 5 metri di lunghezza ed il suo volume di carico raggiunge i 6 metri cubi. Progettato in arte in Germania e fabbricato in Turchia con motori che arrivano dal Regno Unito, Ford Custom è un mezzo globale. Con questo modello, l’Ovale Blu porta per la prima volta nel segmento degli Lcv l’Intelligent Speed Assist, la funzione che consente di rispettare i limiti di velocità. Per i veicoli commerciali di Ford è inedito il Blind Spot Information System con Cross Traffic Alert.

Un motore, tre potenze e una declinazione “verde” EcoNetic

Il solo motore disponibile è il TDCI da 2.0 litri con Start&Stop ordinabile con 105, 130 o 170 CV. Il più potente vanta 405 Nm di coppia (360 e 385 gli altri) ed è quello della variante Sport (ma non solo). La più “verde” delle varianti è la Econetic, una soluzione offerta per il solo motore da 105 CV per il quale vengono dichiarati consumi di 5,7 l/100 km. Trailer Sway Assist, Load Adaptive Control, Roll-over Mitigation, Torque Vectoring Control e Side Wind Stabilization sono di serie. L’aggiornamento estetico è evidente (e non soltanto nella declinazione Sport) perché il frontale è completamente nuovo.

Il listino, Iva esclusa, parte da 21.750 euro

Anche l’abitacolo è stato profondamente rinnovato, con una plancia interamente ridisegnata ed adattata alle esigenze di chi lavora. Non a caso ci sono anche vani portaoggetti per un totale di 25 di capacità. Il prezzo parte da 21.750 euro, Iva esclusa. Il cambio SelectShift a 6 rapporti sarà la…marcia in più dell’offerta italiana. In particolare per la futura variante per il trasporto persone.

Articoli precedente

Mercedes CLS atto terzo: la rinnovata coupè a quattro porte a Los Angeles

Articolo successivo

Porsche 718 Cayman e Boxter: arrivano le versioni GTS con 15 CV in più