Home»Test»Mercedes Classe S: comfort regale ma non solo

Mercedes Classe S: comfort regale ma non solo

0
Condivisi
Pinterest Google+

Mercedes Classe S: comfort regale ma non solo

Sinonimo di lusso e tecnologia, la Mercedes Classe S si rinnova profondamente per confermarsi la regina tra le super berline.

 

Con oltre 4 milioni di vetture vendute dal dopoguerra a oggi, la Mercedes Classe S è sicuramente un’auto importante per la Casa di Stoccarda. Importante per il numero di vendite (dal 2013 con l’ultima generazione più di 300 mila). E ancora più per l’immagine della Mercedes: da vera ammiraglia la Classe S rappresenta il top quanto tecnologia. Proprio quella tecnologia che poi a cascata viene trasferita a cascata su tutti gli altri modelli

Un modello che rappresenta quindi una vera e propria bandiera per la Mercedes, dato che le soluzioni che introduce vengono poi trasferite a cascata su tutto il resto della gamma. Con il restyling sono più di 6.000 i particolari rivisti, alcuni visibili come i fari e i pararuti e altri “nascosti”. Come l’Energizing Comfort…

 

 

Mercedes Classe S: spazio al comfort

 

Che la Mercedes Classe S sia un’auto soprattutto confortevole e lussuosa lo si può dare per scontato. Quanto cura dei dettagli e materiali utilizzati non c’è niente da eccepire. Né tanto meno per i tanti dispositivi che concorrono a rendere sempre gratificante la permanenza a bordo.

Ma se oggi anche su vetture meno blasonate si possono trovare “chicche” come sedili riscaldabili, rinfrescanti e con funzione massaggio, la Mercedes Classe S alza ancora una volta l’asticella. Grazie all’Energizing Comfort, illuminazione interna, musica, climatizzazione e le funzioni dei sedili vengono accordate automaticamente per rilassare o rivitalizzare guidatore e passeggeri.

 

 

Su strada è una piacevole sorpresa

 

Ma se può apparire scontato che su una super ammiraglia dietro si viaggi come in first class, di certo non lo è una volta dietro al volante. Detto che l’isolamento acustico e la capacità delle sospensioni di assorbire le sconnessioni non ha eguali, la Mercedes Classe S sorprende anche in mezzo alle curve.

Nonostante le dimensioni davvero importanti (è lunga più di 5 metri) si lascia guidare con due dita. Merito delle sospensioni Active Body Control che “leggono” la strada e si adattano di conseguenza per far viaggiare come su un tappeto volante. Mentre in curva si bilanciano per far correre l’auto come su due binari.

Grazie ai tanti sensori e telecamere di cui è dotata, la Mercedes Classe S non solo tiene la carreggiata da sola, ma è in grado di eseguire un sorpasso in maniera autonoma con la sola pressione dell’indicatore di direzione. Di rallentare in prossimità di un incrocio o curva. Oppure di regolare la propria andatura in base ai diversi limiti di velocità. Insomma, se di guida autonoma ancora non si può parlare, poco ci manca…

 

 

Motori per tutti i gusti ed esigenze

 

Da vera ammiraglia, la Mercedes Classe S è proposta con una gamma di motori tutti potenti, in grado di assecondare il comfort dell’auto con grandi prestazioni. Per la nostra prova ci siamo messi al volante della 350d. Si tratta della versione “entry level”, ma non per questo una scelta “povera”.

Grazie ai 286 cv e, soprattutto, 600 Nm di coppia da soli 1.200 giri, il suo 3.0 sei cilindri non fa rimpiangere le motorizzazioni più potenti. Le riprese sono sempre pronte e guadagnare velocità è un attimo. Sensazioni che vengono confermate dalle prestazioni dichiarate: 250 km/h  di velocità massima e 6,5″ per passare da 0 a 100 km/h.

Come per tutte le versioni è abbinato a un cambio automatico dolce e fluido nei passaggi di marcia. E per chi vuole la massima sicurezza su strada e mobilità su tutti i fondi  si possono scegliere le quattro ruote motrici con sistema 4Matic al posto della “semplice” trazione posteriore.

Ovviamente, per chi cerca il top non mancano motori possenti come il nuovo 3.0 6 cilindri turbo a benzina da 435 cv oppure il 4.0 V8 biturbo da 469 cv, che diventano ben 612 per la 63 AMG. Ma per chi non bada al conto in banca e non ha certo problemi al distributore il non plus ultra è la 65 AMG con il 6.0 V12 da 629 cv e 1000 Nm di coppia che permette alla immensa Classe S di accelerare da 0 a 100 km/h in 4,1 secondi.

 

Un lusso possibile (quasi) per tutti

 

La Mercedes Classe S non è certo un’utilitaria alla portata di tutti. Ma oggi potersi permettere una vettura di questo tipo non è più solo un sogno per molti e non bisogna essere per forza degli sceicchi. Come avviene anche per altri modelli meno elitari della Mercedes, anche per la Classe S sono disponibili delle formule di finanziamento.

Per esempio, la versione 350d Premium con motore turbodiesel da 286 cv, ha un prezzo di listino di 94.200 euro. Ma oggi è possibile portarsela a casa con un anticipo di “soli” 19.500 euro, pagare 35 rate da 1.160 euro e al termine di tre anni decidere se restituire l’auto oppure acquistarla.

 

> GUARDA TUTTI I VIDEO DI YELLOW MOTORI SUL CANALE DI YOUTUBE

 

Articoli precedente

Subaru e Volkswagen a nozze per un'auto davvero inverosimile

Articolo successivo

Basta dieselgate: UE vuole sistemi di misurazione su ogni veicolo dal 2020