Home»Test»Nuova Citroën C3 Aircross: agile, spaziosa e confortevole

Nuova Citroën C3 Aircross: agile, spaziosa e confortevole

0
Condivisi
Pinterest Google+

Era una monovolume, adesso è un suv

Da monovolume a suv, ovvero come la Citroën C3 Picasso si è trasformata C3 Aircross. In un mercato che chiede sempre più crossover e suv era naturale che anche la C3 si evolvesse seguendo questa strada. Con un obiettivo chiaro: proporsi quale alternativa alle varie Peugeot 2008 e Renault Captur, ma anche alle più grossine (balla qualche centrimetro di lunghezza) Jeep Renegade e Opel Mokka.

Per conquistare nuovi clienti e “tenersi stretto” chi in passato ha acquistato la Picasso (oltre 80.000 clienti in Italia), la nuova Citroën C3 Aircross punta fondamentalmente su un aspetto sbarazzino e un abitacolo spazioso e modulabile.

Nuova Citroen C3 Aircross

Look da giovani, spazio da famiglie

In un panorama dove anche le piccole suv ha spesso un aspetto molto grintoso, quasi sportivo, la nuova Citroën C3 Aircross gioca la carta della simpatia. Con forme fortemente ispirate alla Cactus, propone linee morbide e tante varianti cromatiche. Tra colori della carrozzeria, tetto e interni sono infatti ben 85 le possibili combinazioni. Una curiosità: a differenza di C3 e Cactus, la nuova C3 Aircross non ha gli airbump (le protezioni laterali) sulla fiancata. Ma tra gli optional è possibile richiedere degli originali vetri laterali posteriori con adesivo tipo veneziana.

Aprendo le portiere si ritrova un ambiente simile a quello della nuova Citroën C3, ma con ancora più spazio a bordo. I centimetri per la testa non mancano davanti né dietro, e sui sedili posteriori riescono a stare anche tre adulti senza troppi contorsionismi. A convincere, poi, sulla nuova Citroën C3 Aircross sono la capacità del bagagliaio e la sfruttabilità. Grazie ai sedili posteriori frazionabili separatamente e scorrevoli di 15 cm, il volume del bagagliaio varia da 410 a 520 litri. Che diventano ben 1.289 litri ripiegano gli schienali posteriori. Inoltre, chiudendo “a tavolino” il sedile del passeggero anteriore, è possibile caricare oggetti lunghi… come una tavola da surf.

Nuova Citroen C3 Aircross

Grazie a cinque ambienti diversi e a tre allestimenti differenti, è possibile cucirsi addosso la nuova Citroën C3 Aircross in base ai propri gusti e necessità. Su tutte i sedili sono morbidi e ben dimensionati. Non mancano vani dove riporre gli oggetti e tra gli accessori più sfiziosi e high-tech non mancano la piastra per la ricarica a induzione degli smartphone e i dispositivi Android Auto e Apple Carplay per restare sempre connessi.

Spazio al comfort

Per il nostro primo test sulle strade della Corsica della nuova Citroën C3 Aircross ci siamo messi al volante delle versioni con il 1.2 turbo a benzina da 110 cv e del 1.6 turbodiesel da 120 cv. Due unità collaudate, che trovano applicazione su tanti modelli del gruppo PSA e che ben si sposano con la massa dell’auto. In particolare ci è piaciuto il 3 cilindri benzina: spinge bene fin dai bassi e non è per niente “ruvido”. Sulla vettura in prova era abbinato al cambio automatico a sei rapporti. Un optional che consigliamo dato che offre passaggi di marcia fluidi e piuttosto veloci. Niente da ridire sul ben noto quattro cilindri a gasolio: ha tanta coppia e spinge sempre forte.

Su entrambe le versioni si apprezza il buon comportamento stradale della nuova Citroën C3 Aircross. Lo sterzo è ben calibrato: leggero in manovra e piuttosto preciso in velocità. Le sospensioni riescono ad assorbire la maggior parte delle sconnessioni senza cedere troppo al rollio in curva. Mentre l’abitacolo si dimostra ben isolato (per questa categoria di auto) dalle fonti di rumore quali motore e fruscii aerodinamici.

Nuova Citroen C3 Aircross

Non è 4×4 ma l’offroad non la spaventa

Detto che la nuova Citroën C3 Aircross non è disponibile con la trazione integrale, la “francesina” non si ferma dove l’asfalto finisce. per chi dovesse fare un utilizzo non prettamente urbano e stradale, è possibile infatti richiedere il Grip Control in abbinamento all’ Hill Assist Descend.

Il primo, permette di regolare su cinque diversi programmi di guida l’elettronica: abs, controllo di trazione ed esp. In modo da offrire sempre il miglior grip possibile alle ruote anteriore in base al tipo di fondo (asfalto, neve, fango, sabbia e controllo di stabilità disattivato). Il secondo, invece, permette di affrontare anche le discese più ripide e sconnesse con la vettura che frena automaticamente.

Prezzi da 15.500 euro

La nuova Citroën C3 Aircross è già in vendita con prezzi a partire da 15.500 euro per la “entry level” con il 1.2 tre cilindri aspirato da 82 cv. Come per la C3 berlina, 3 sono gli allestimenti: Live, Feel e Shine. Per chi vuole più brio ci sono le versioni turbo da 110 cv (da 18.750 euro) e 130 cv (21.250 euro). Da notare che il comodo cambio automatico è disponibile solo per la versione da 110 cv e costa 1.500 euro.

L’alternativa a gasolio, invece, è costituita dal 1.6 turbodiesel BlueHDI declinato in due livelli di potenza: 100 oppure 120 cv. La versione più potente, come le benzina turbo, è dotata di serie del sistema Start&Stop.

 

Articoli precedente

Renault Koleos: irriconoscibile e convincente, anche in off road

Articolo successivo

Dieselgate, secondo arresto in Germania: si tratta di Wolfgang Hatz