Home»Test»La prova su strada della compatta glamour, la Renault Clio Moschino

La prova su strada della compatta glamour, la Renault Clio Moschino

0
Condivisi
Pinterest Google+

Per Renault Italia è l’auto più venduta, per gli italiani è la straniera più amata ed alla vigilia del debutto della quinta generazione diventa Clio Moschino. La gamma nazionale della compatta francese è stata ribattezzata con il nome della casa di moda.

renault clio moschino

L’intera gamma italiana di prende il nome dell’atelier di moda

E, naturalmente, anche aggiornata esteticamente con alcuni elementi in black&gold, le tinte preferite da Jeremy Scott, lo stilista di Moschino. La rivisitata gamma Clio Moschino assicura anche un nuovo motore entry level, il TCe benzina da 75 CV e, prima nel segmento, la parking camera. Il tutto ad un prezzo che parte da 14.400 euro. Il top di gamma, la Clio Intens Moschino (Life Moschino e Zen Moschino le altre) equipaggiata con il DCi 90 con trasmissione automatica EDC costa 22.000 euro.

Clio Moschino TCe 75 Cv è il nuovo entry level

Concordata con la casa madre, la famiglia italiana di Clio si distingue per elementi Moschino su modanature laterali, retrovisori esterni, aeratori interni e badge sulla fiancata e sul volante. Le applicazioni sui cerchi in lega diamantati da 17’’ sono a richiesta. La Clio IV è dal 2013 l’auto straniera più venduta nel Belpaese e Renault Italia ha deciso di celebrare l’11% di quota di mercato con una più profonda cooperazione con la società controllata dalla Aeffe. Con il turbo da 0.9 litri la Clio Moschino si conferma adatta alla città, dove non serve uno spunto bruciante. Servono piuttosto consumi razionali (5 l/100 km). Lo stesso vale per lo sterzo, anche troppo morbido, ma funzionale agli impieghi urbani.

Sempre disponibile anche la variante bifuel a benzina e GPL

In ogni caso, la Clio è una macchina che gli italiani amano da sempre e che per la filiale nazionale di Renault vale il 40% dei volumi. Non ha bisogno di presentazioni, insomma. Per la variante station wagon, la Sporter, bastano 800 euro in più. Sull’intera gamma è standard il cambio manuale a cinque marce. A parte le due unità già citate, la gamma è articolata anche sul TCe 90 (sia solo a benzina sia bifuel a GPL) e sui DCi 75 e 90. La Clio Moschino verrà lanciata con due Porte Aperte in calendario il 17 e 18 ed il 24 e 25 novembre.

clio moschino

Articoli precedente

Quotazioni sempre in calo. E sempre (solo) Eni abbassa i prezzi

Articolo successivo

Nuovi ribassi, questa volta "generalizzati" su benzina, diesel e GPL