Home»Test»Seat Ateca e le altre sorelle a trazione integrale sulla neve

Seat Ateca e le altre sorelle a trazione integrale sulla neve

0
Condivisi
Pinterest Google+

Seat Ateca e le altre sorelle a trazione integrale, la prova sulla neve

Seat vuole diventare protagonista anche dello scenario automobilistico a trazione integrale: in Italia l’aggiornata tecnologia 4Drive è disponibile su Ateca, Alhambra e Leon station wagon, sia X-Perience sia Cupra. Sul suv l’alleggerito sistema (1,5 kg in meno) è abbinato anche al nuovo motore TSI da 2.0 litri da 190 CV nella variante FR.

Due modalità di guida in più: Snow e Offroad

E lungo un sentiero letteralmente scavato tra due pareti di neve (ne sono caduti fino a 3,5 metri) la Ateca fa vedere ciò di cui è capace. Del resto dispone anche di due modalità di guida in più: Snow e Offroad. Con le gomme adatte e la tecnologia 4Drive, il suv da 4,36 metri di lunghezza affronta il tracciato senza problemi. L’elettronica interviene quando serve sia per assistere nelle ripartenze sia per controllare la discesa. In auto con la conduttrice di Paperissima Juliana Moreira e l’inviato di Striscia Edoardo Stoppa ci si dimentica anche della tecnologia.

Sulla Seat Ateca con Juliana Moreira ed Edoardo Stoppa

Perché la coppia discute su chi decide e su cosa conta quanto si compra una macchina. Un servizio che vedremo presto in tv. In Italia, Ateca è il modello 4Drive più gettonato: le vendite arrivano ad un quinto del totale, con punte del 50% per alcuni allestimenti. È la conferma di un trend importante per Seat, che ha continuato a crescere anche nel 2017. Ma, soprattutto, che ha dimostrato come nel Belpaese il brand spagnolo venga richiesto con allestimenti sempre più importanti. Per divertirsi, su un pistino ghiacciato, con la Leon ST Cupra si affronta un percorso con slalom e curve. E vien voglia di non fermarsi mai.

I consigli di Jordi Genè e la tecnologia 4Drive

Un po’ perché si ha a fianco uno come Jordi Genè, pilota di successo (soprattutto sull’asfalto) e fratello del collaudatore della Ferrari Marc. Ed un po’ perché disattivando l’Esc ed approfittando dell’equilibrata impostazione dell’auto si può veramente far fare all’auto quello che si vuole. L’importante è evitare le manovre brusche, come consiglia Genè, che a richiesta (ed a suo rischio e pericolo) prende posto a fianco del guidatore. La Leon ST X-Perience sembra studiata apposta per non lasciarsi intimorire dalle montagne di neve perché ha un assetto rialzato di 15 millimetri. È anche il modello “entry level” alla gamma 4Drive italiana con i suoi 31.050 euro. La trazione integrale si inserisce esclusivamente in caso di necessità per trasferire fino al 50% della coppia al posteriore.

 

Articoli precedente

Ogier torna a vincere nel WRC: primo a Montecarlo davanti a due Toyota

Articolo successivo

Rimac Concept 2, a Ginevra l'elettrica croata da almeno un milione di euro