Home»Test»Skoda Octavia Wagon: una station per ogni esigenza

Skoda Octavia Wagon: una station per ogni esigenza

0
Condivisi
Pinterest Google+

Oggi può avere senso una station wagon come la Skoda Octavia Wagon? La risposta è sì. E a dirlo non siamo noi, ma i numeri: la famigliare ceca dal 2014 è la station wagon più venduta in Europa. Dal 1996 sono state prodotte oltre 6 milioni di Octavia. Un milione del quale dell’ultima generazione, presentata nel 2013 e “rinfrescata” a inizio anno. Il mercato chiede sempre più suv, ma auto come la Skoda Octavia Station Wagon possono essere la soluzione ideale per chi cerca una vettura spaziosa ma meno ingombrate. Considerato che con una gamma particolarmente articolata, viene incontro alle diverse esigenze degli automobilisti.

Tanti motori, per tutti i gusti

La Skoda Octavia è disponibile infatti in 5 versioni, con 7 differenti motori e in 6 diversi allestimenti. Chi cerca fa un uso occasionale dell’auto può puntare sul piccolo ma brillante 1.0 TSI a benzina da 115 cv. Chi, invece, percorre molti chilometri l’anno trova nei turbodiesel 1.6 e 2.0 (con potenze da 90 a 184 cv) le scelte ideali. Mentre chi è particolarmente attento ai costi di gestione troverà interessante la versione bi-fuel con il 1.4 turbo da 110 cv. Senza dimenticare la sportiva RS con il 2.0 turbo benzina da 245 cv. Oppure la versione Scout con assetto rialzato e “look” da off-road che strizza l’occhio al mondo delle suv. Il tutto con un’ampia scelta anche di trasmissioni (in base ai motori) tra trazione anteriore oppure integrale e cambio manuale oppure a doppia frizione a sette rapporti

Spazio a volontà

In comune per tutte c’è un abitacolo davvero spazioso in relazioni alle dimensioni esterne. Con 4,67 metri di lunghezza, la Skoda Octavia Wagon ha infatti dimensioni ancora relativamente compatte. E, soprattutto, offre tanti centimetri anche ai passeggeri posteriori: dietro stanno comodi anche due giocatori di basket. Mentre il bagagliaio è praticamente ai vertici della categoria con un volume che varia da 610 a 1.740 litri. Quello che piace, poi, è la possibilità di arricchire le dotazioni con tanti accessori pratici come la vasca impermeabile per il bagagliaio oppure la mensola sotto la cappelliera. Semplificano la vita di tutti i giorni in auto…

Poco da invidiare alle “cugine” del Volkswagen

Se le finiture e i materiali utilizzati non sono ancora a livello delle migliori “cugine” Volkswagen, poco ci manca. L’abitacolo si presenta robusto e piuttosto ricercato e lezioso con una plancia dal design moderno e plastiche piacevoli al tatto. Specialmente dopo il restyling di inizio anno che ulteriormente migliorato le dotazioni e ampliato gli accessori disponibili. Sulla Skoda Octavia Wagon tra le altre cose ci sono fari full led, navigatore satellitare con schermo touch fino a 9,2 pollici, hotspot per il WiFi e servizi come il Care Connect che permette di inviare chiamate d’emergenza e controllare in remoto diversi parametri dell’auto. Inoltre, sul fronte della sicurezza, non mancano dispositivo di aiuto alla guida come cruise control adattivo, frenata automatica d’emergenza e sistema di mantenimento della corsia.

Carattere ben distinto su strada

Un’auto matura, la Skoda Octavia Wagon, che convince nelle sue diverse declinazioni. Economa con il 1.6 turbodiesel, brillante macina-chilometri con il 2.0 TDI da 150 cv. Confortevole e risparmiosa con il 1.4 a metano. “Graffiante” con le versioni RS. Per la nostra prova lungo le strade del lago di Garda ci siamo messi al volante della 1.6 TDI da 115 cv, la scelta più gettonata in Italia. Un motore che offre un buon equilibrio tra prestazioni e consumi, e può essere abbinato al comodo cambio robotizzato DSG.  Grazie ai 250 Nm di coppia le riprese sono piuttosto pronte e lo spunto non manca: accelera da 0 a 100 km/h in 10,2 secondi e raggiunge i 201 km/h. Mentre i consumi sono sempre contenuti: la Skoda dichiara una percorrenza media di 23,8 km/l.

RS: sportiva, ma senza eccessi

Per chi viaggia spesso a pieno carico o cerca più brio c’è il 2.0 TDI da 150 cv (anche con trazione integrale). Ma, in questo secondo caso, vale forse la pena considerare la versione RS con il turbodiesel da 184 cv. Oltre ad avere ancora più spunto (0-100 km/h in 8 secondi e 230 km/h), l’assetto ribassato, taratura specifica dello sterzo e freni più potenti la rendono gratificante da guidare. Senza imporre rinunce sul piano del comfort: la risposta delle sospensioni è controllata, ma mai troppo secca sulle asperità.

I prezzi della Skoda Octavia Wagon

La Skoda Octavia Wagon è in vendita con prezzi a partire da 21.150 euro per la 1.0 TSI 115 cv nell’allestimento “base” Active. I prezzi della 1.6 TDI da 115 cv partono da 24.810 euro per la Ambition che ha già di serie accessori oggi indispensabili come climatizzatore, radio mp3 con Bluetooth, ricarica wireless per il telefono e sensori di parcheggio posteriori. La più sportiva RS con il 2.0 TDI da 184 cv e cambio DSG costa da 33.050 ed è pure disponibile con la trazione integrale. Le versioni Scout, invece, con il 2.0 TDI da 150 cv oppure 184 cv, hanno prezzi a partire da 30.940 euro.

 

Articoli precedente

BMW Serie 7 “40 Years Edition” : un’esclusiva variante dell’ammiraglia

Articolo successivo

Toyota non solo fotovoltaica, ma anche elettrica. Con nuove batterie