Home»Electric»Alieno Arcanum, dalla Bulgaria il missile elettrico con oltre 5.200 CV

Alieno Arcanum, dalla Bulgaria il missile elettrico con oltre 5.200 CV

1
Condivisi
Pinterest Google+

La Alieno Arcanum è un altro di quei bolidi di cui non si sentiva la mancanza. Nè, del resto, è uno di quei modelli necessari malgrado sia elettrico e quindi “sostenibile”. Ma è impossibile non parlare di una vettura hyper sportiva accreditata di un numero esagerato di motori: fino a 24. Tanto che la potenza può superare i 5.200 CV: 5.221 per la precisione.Alieno Arcanum

Missile terra-terra da 5,24 metri di lunghezza e 1,2 di altezza

Il costruttore bulgaro che ne aveva annunciato la realizzazione nel 2018 è tornato a farsi vivo anticipato ulteriori dettagli tecnici. Tra questi c’è anche una percorrenza di oltre 1.000 chilometri grazie ad una innovativa batteria al grafene. La potenza minima dichiarata per il missile terra-terra da 5,24 metri di lunghezza è di 2.610 CV. A bordo quasi non si sale: ci si sdraia direttamente visto che l’altezza è di 120 centimetri. Su strada è decisamente ben “piantata” con i suoi 2,18 metri di larghezza ed i suoi cerchi da 20 (all’anteriore) e 21” (al posteriore).

Prezzo compreso fra 750.000 euro ed un milione e mezzo

Praticamente tutti parametri della Alieno Arcanum sono extraterrestri: il nome della società è praticamente una promessa. Rispetto ad altri modelli, il prezzo non sembra nemmeno così proibitivo (si fa per dire) perché sarebbe compreso fra i 750.000 ed il milione e mezzo di euro. I tempi di attesa permettono in ogni caso di mettere assieme i risparmi indispensabili per perferzionarne l’acquisto: fra i 18 ed i 30 mesi. La società bulgara che confeziona la Alieno Arcanum promette una versione base con tre motori per ruota, che nella declinazione più performante diventano sei. La coppia massima oscilla tra i 4.400 e gli 8.800 Nm. Numeri che fanno pensare direttamente ad un decollo più che ad una accelerazione.

La Alieno Arcanum “decolla” fino ai 488 km/h

La velocità massima dichiarata è di 488 km/h. Tra le declinazioni previste c’è anche quella con omologazione stradale. Per ottimizzare la frenata, la hyper sportiva monta una soluzione carboceramica. La batteria più più piccola è da 60 kWh, quella intermedia da 120 e quella più grande da 180. Non è chiaro a quale andatura si debba procedere per raggiungere le percorrenze dichiarate: 340, 680 o 1.020 chilometri. Per i tempi di ricarica, il costruttore bulgaro parla di 3 minuti per l’80% del rifornimento con una colonnina da 2.700 kW. Con una da 350 basta comunque poco meno di un quarto d’ora. Il peso del modello “base” è di 1.600 chilogrammi, mentre il top di gamma sfiora le tre tonnellate.

Articoli precedente

Audi Q8 TFSI e quattro, due potenze per la settima plug-in di Ingolstadt

Articolo successivo

Texa, il Made in Italy che funziona si espande ulteriormente in Germania