Home»Electric»Cupra el-Born, non debutta come Seat la prima elettrica di Barcellona

Cupra el-Born, non debutta come Seat la prima elettrica di Barcellona

0
Condivisi
Pinterest Google+

Il primo modello spagnolo del gruppo Volkswagen non arriva sul mercato con il marchio Seat (che l’aveva esibito come concept), perché sarà la Cupra el-Born. Il marchio alto di gamma del costruttore catalano ha annunciato il lancio della nuova auto per il 2021. Come la ID.3 e, ad esempio, la Audi Q4 e-tron e Sportback, anche la Cupra el-Born verrà fabbricata in Germania, nel sito di Zwickau ormai convertito alla mobilità a zero emissioni.

Cruscotto digitale per la Cupra el-Born

La piattaforma impiegata è la MEB, per la realizzazione della quale il colosso tedesco ha messo sotto contratto un’azienda italiana, la Euro Group Laminations. I designer sono intervenuti per conferire ancora più personalità all’auto elettrica, caratterizzandola con gli ormai tradizionali elementi ramati di Cupra. E non solo. Della Cupra el-Born non sono state diffuse le dimensioni, che dovrebbero oscillare fra i 4,26 ed i 4,33 metri di lunghezza. Per Wayne Griffiths, presidente del brand, il modello è “la prova che prestazioni ed elettrificazione possono essere un connubio perfetto”. Solo che il top manager si è ben guardato dal riferire dettagli circa la potenza della Cupra el-Born, che nelle foto dispone di un cruscotto interamente digitale.

Spunto da 0 a 50 km/h dichiarato di 2,9 secondi

Il concept Seat era alimentato da un motore da 204 CV: non è chiaro se come Cupra possa disporre di una potenza leggermente superiore. Il dato tecnico citato dal costruttore è lo spunto da 0 a 50 orari, dichiarato di 2,9 secondi. La el-Born è equipaggiata con il controllo dinamico dell’assetto (DCC Sport), sviluppato esclusivamente sulla piattaforma MEB per questo modello. La soluzione “combina l’altezza di guida sportiva con un sistema che permette di adattarsi automaticamente a qualsiasi condizione stradale”. L’autonomia dichiarata nel ciclo di omologazione WLTP è di 500 chilometri grazie alla batteria da 82 kWh (77 effettivi). E mezz’ora alla presa basta per un’autonomia di 260 km.

Articoli precedente

Toro nuovo AD di Nissan Italia, Mattucci alla guida della filiale iberica

Articolo successivo

Ferrari SP3JC: una one-off dal sapore “antico”