Home»Electric»Dacia Spring Electric, citycar in tre varianti: anche cargo e per il car sharing

Dacia Spring Electric, citycar in tre varianti: anche cargo e per il car sharing

0
Condivisi
Pinterest Google+

Una e trina: la prima low cost a zero emissioni è la Dacia Spring Electric, che avrà non soltanto una declinazione stradale “classica”, ma anche una versione per il car sharing ed una commerciale, la Cargo. La macchina che arriverà l’anno prossimo misura 3,73 metri di lunghezza ed ha un passo di 242 centimetri. L’altezza da terra sarà di 150 millimetri, mentre quella complessiva di 1.516.Dacia Spring

Motore da 44 CV e 125 Nm di coppia massima

La Dacia Spring Electric sarò spinta da un motore elettrico da 44 CV (125 Nm di coppia) supportato da una batteria da 26,8 kWh in grado di assicurare fino a 225 chilometri di autonomia nel ciclo di omologazione WLTP. In ambito urbano piò sfiorare i 300. In realtà, guidando in modalità ECO e riducendo pertanto le prestazioni (31 CV e 100 orari di andatura di punta), la percorrenza può venire incrementata del 10%. L’accumulatore si ricarica all’80% in meno di un’ora da una colonnina a corrente continua da 30 kW. Per un rifornimento completo da una presa domestica da 2,3 kW sono necessarie 14 ore.Dacia Spring

Omologazione a 4 posti per la Dacia Spring Electric

La velocità massima è di 125 km/h. Il costruttore del gruppo Renault ha anticipato che gli ordini verranno aperti nella primavera del 2021. Dacia ha anche promesso una “gamma ed un’offerta commerciale semplici: batteria inclusa nel prezzo d’acquisto e due livelli di allestimenti“. Esteticamente anche la Dacia Spring Electric è stata adeguata al trend dei suv ed esibisce anche gruppi ottici a LED. La citycar sarà omologata a 4 posti: la casa rumena parla di adulti che possono stare seduti comodamente.

Garanzia di 3 anni sulla vettura e di 8 sulla batteria

Il bagagliaio della Dacia Spring Electric, che ha un raggio di sterzata di 4,8 metri, viene presentato con la miglior capacità di carico della categoria. Ossia a partire da 300 litri. La vettura disporrà di uno schermo digitale di 3,5” e grazie ad un comando sul volante sarà possibile attivare il riconoscimento vocale Google o Apple. Il sistema multimediale con il navigatore è a richiesta e include un display da 7”. Il costruttore offre una garanzia di 3 anni o 100.000 chilometri sul veicolo e di 8 anni o 120.000 km sulla batteria.

Articoli precedente

Tesla non salda la bolletta, cantiere Gigafactory di Berlino senza acqua

Articolo successivo

Europa, "rimbalzo" del mercato auto. Da inizio anno perse 3,5 mln di unità