Home»Electric»Mustang Mach-E GT, variante dallo spunto bruciante del suv elettrico Ford

Mustang Mach-E GT, variante dallo spunto bruciante del suv elettrico Ford

0
Condivisi
Pinterest Google+

La velocità massima è limitata a “soli” 200 chilometri all’ora, ma lo spunto da 0 a 100 è di quelli che impressionano perché avviene in poco più di 3,5 secondi: sarà un privilegio dei clienti della Ford Mustang Mach-E GT, ossia il top di gamma del suv a zero emissioni del costruttore americano.Ford Mustang Mach-E GT

Due motori per una potenza complessiva di 487 CV e 860 Nm di coppia

I tre secondi e mezzo sono relativi alle 60 miglia equivalenti a circa 97 all’ora. Le prime varianti dell’ambizioso veicolo dell’Ovale Blu debutteranno verso la metà del prossimo anno negli Stati Uniti. In Europa la commercializzazione della Ford Mustang Mach-E GT dovrebbe cominciare entro la fine del 2021. Il suv ad alte prestazioni monta due unità elettriche, una per asse, per una potenza complessiva di 487 CV ed una coppia di 860 Nm. L’autonomia omologata secondo i più restrittivi criteri statunitensi dell’EPA, quella che aveva “limato” di quasi un terzo la percorrenza della Porsche Taycan, è di 378 chilometri.

Batteria da 88 kWh per la Ford Mustang Mach-E GT con telaio Magnetic Ride

La batteria impiegata sul modello è da 88 kWh. Per i prezzi europei ci sarà naturalmente da pazientare, ma per quanto riguarda la dotazione a quanto pare ci sono già i primi dettagli. Negli USA il listino della Mach-E GT parte da 60.500 dollari, poco più di 50.000 euro al cambio attuale. Il top di gamma della Mustang Mach-E GT, la Performance Edition, monterà pneumatici estivi Pirelli da 20” e freni Brembo. È prevista anche l’adozione del tecnologico telaio Magnetic Ride che dovrebbe contribuire in maniera significativa al miglioramento delle prestazioni della GT. E uno spunto come quello annunciato non è affatto male per un suv da 2,2 tonnellate.

Articoli precedente

Chevrolet Corvette Stingray: si può configurare e (pre)ordinare online

Articolo successivo

Entro due anni la nuova Mazda2 europea, sarà basata sulla Toyota Yaris