Home»Electric»Semaforo verde per la Formula E, a Berlino i 6 ePrix finali. Senza pubblico

Semaforo verde per la Formula E, a Berlino i 6 ePrix finali. Senza pubblico

0
Condivisi
Pinterest Google+

Tutto in nove giorni: la Formula E ha ufficializzato che la stagione si concluderà in agosto. Il calendario verrà comunque ridotto, ma arriverà a 11 ePrix, tre in meno di quelli previsti inizialmente. La rassegna elettrica si trasferirà a Berlino, dove l’ex scalo internazionale di Tempelhof fungerà da “arena” per le sei gare conclusive, naturalmente senza pubblico. L’ultima prova risale a fine febbraio, a Marrakech.

Tre doppi appuntamenti in 9 giorni, fra il 5 ed il 13 agosto

L’organizzazione, grazie anche alla disponibilità delle autorità della capitale tedesca, ha previsto una serie di tre doppi ePrix. Si comincerà  mercoledì e giovedì 5 e 6 agosto. I piloti torneranno a gareggiare dopo un giorno di casa nel fine settimana (8 e 9) e concluderanno le loro fatiche mercoledì 12 e giovedì 13. Per evitare rischi per la salute è stata disposta l’obbligatorietà dei test sul Covid-19 prima di ogni ePrix. La Formula E ha precisato che il tracciato non sarà sempre identico.

Da Costa e DS Techeetah guidano le classifiche della Formula E

Dopo cinque gare, Antonio Felix Da Costa (DS Techeetah) è in al comando della classifica piloti con 11 punti di vantaggio sul neozelandese della Panasonic Jaguar Mitch Evans. In terza e quarta posizione si trovano i piloti della Bmw i Andretti, Alexander Sims e Maximilian Gunther, che accusano un ritardo di 21 e 23 punti. Nella graduatoria riservate alle squadre, la DS Techeetah e la Bmw i Andretti sono divise da 8 punti (98 contro 90) con la Panasonic Jaguar a quota 66. La Audi Sport ABT Schaeffler dovrà schierare un altro pilota, dopo aver “ricusato” Daniel Abt per via della “leggerezza” nel Race at Home Challenge.

 

Articoli precedente

Seat Mó, il marchio per la mobilità urbana elettrica: scooter e monopattini

Articolo successivo

McLaren 720S Le Mans, bolide da 720 CV omaggio alla vittoria del 1995