Home»Electric»La Formula E tira il freno, “salta” anche l’ePrix di Berlino del 21 giugno

La Formula E tira il freno, “salta” anche l’ePrix di Berlino del 21 giugno

0
Condivisi
Pinterest Google+

La Formula E rinuncia anche all’ePrix di Berlino che era in programma il 21 giugno. La prova tedesca avrebbe potuto rappresentare la ripresa dell’attività agonistica, ma il governo tedesco ha approvato la riapertura dei concessionari, ma ha proibito le grandi manifestazioni fino ad agosto.

Anche i mesi di maggio e giugno contrassegnati in rosso

Il circuito elettrico ha già immaginato un futuro anche senza pubblico (ha anche lanciato la competizione virtuale per sostenere le attività dell’UNICEF) e, soprattutto, all’interno di autodromi privandosi così di una delle caratteristiche che lo distingueva dalle altre serie del motorsport. Il congelamento della sesta stagione di Formula E prosegue fino alla fine di giugno. La Federazione Internazionale dell’Automobile (FIA) e gli organizzatori hanno esteso il regime di “bandiera rossa” anche ai mesi di maggio e giugno. Su luglio sventola invece adesso la bandiera gialla e se la pandemia dovesse stabilizzarsi è possibile la disputa di una o più gare.

La Formula E ha già rinviato il lancio della nuovo monoposto Gen2 EVO

La Formula E ha già fatto sapere che i possessori di biglietti per l’ePrix di Berlino verranno contattati per ulteriori informazioni. Per contenere i costi e garantire la sostenibilità finanziaria del circuito, la Formula E aveva già raggiunto un’intesa con scuderie e costruttori per rinviare il lancio della nuova Gen2 EVO, l’evoluzione dell’attuale monoposto. La sforbiciata alle spese per lo sviluppo, che prevede un solo intervento in due stagioni, dovrebbe dimezzare i costi. Il World Motor Sport Council (WMSC) ha già approvato la decisione con una votazione rigorosamente a distanza.

 

Articoli precedente

EVO Electric, il crossover compatto "italiano" della DR da 19.900 euro

Articolo successivo

Bentley Mulsanne: un video celebra i suoi 10 anni