Home»Electric»Alternativa a idrogeno, protocollo d’intesa strategico fra Hyundai e Ineos

Alternativa a idrogeno, protocollo d’intesa strategico fra Hyundai e Ineos

0
Condivisi
Pinterest Google+

La tecnologia a celle a combustibile è una soluzione alternativa non solo per i veicoli commerciali (Volvo e Daimler hanno nel frattempo formalizzato la joint-venture paritetica): Hyundai Motor Company e Ineos, la società britannica che fa rinascere il Defender con il nome di Grenadier, hanno ufficializzato la firma di un protocollo d’intesa per “esplorare insieme nuove opportunità nell’ambito dell’economia basata sull’idrogeno”.

Il gruppo Hyundai ha disposto investimenti per 7 miliardi di euro

Una delle possibili applicazione è proprio sul prossimo suv, che potrebbe beneficiare dello stesso sistema impiegato sulla coreana Nexo. L’accordo include la possibilità di studiare congiuntamente “le opportunità di produzione e di fornitura di idrogeno“. E prevede anche “l’implementazione di applicazioni e tecnologie a idrogeno a livello mondiale“. Il gruppo coreano aveva annunciato già due anni fa un massiccio piano di investimenti su questa tecnologia Nell’ambito della “Fuel Cell Vision 2030”, il gruppo Hyundai ha previsto uno stanziamento vicino ai 7 miliardi di euro per lo sviluppo dei sistemi a cella a combustibile. La capacità produttiva dovrebbe raggiungere le 700.000 unità l’anno con la fine del decennio.idrogeno hyundai ineos

Attraverso la Inovyn, la Ineos opera nell’elettrolisi e produce 300.000 tonnellate di idrogeno

Il coinvolgimento della Ineos dovrebbe consentire al colosso coreano di realizzare alcune economie di scala. Per Saehoon Kim, numero uno del Fuel Cell Center del gruppo asiatico, immagina il sistema a celle a combustibile come “un’importante alternativa per garantire basse emissioni di carbonio in un’ampia gamma di settori”. Ineos, che controlla la Inovyn, il più grande operatore europeo nel campo dell’elettrolisi, è un partner strategico per Hyundai. La società britannica ha varato un programma per sviluppare e creare capacità di produzione di idrogeno pulito in tutta Europa. L’attuale produzione si attesta sulle 300.000 tonnellate l’anno.

Articoli precedente

Italia, l'ultima roccaforte del diesel, 8 punti di quota in più delle media UE

Articolo successivo

Airbag Takata, il richiamo di quasi 6 milioni di veicoli che GM voleva evitare