Home»Electric»Il produttore di batterie Britishvolt sigla una partnership con Pininfarina

Il produttore di batterie Britishvolt sigla una partnership con Pininfarina

0
Condivisi
Pinterest Google+

Britishvolt, azienda specializzata nello sviluppo e produzione di batterie, annuncia la collaborazione con Pininfarina. Il focus della collaborazione riguarda la costruzione della prima “giga-factory” di batterie su larga scala del Regno Unito. Presso la ex base della RAF di Bro Tathan, in Galles.

Pininfarina vanta un’esperienza di oltre 90 anni, passati in prima linea nell’ambito del design automobilistico innovativo. Il brand italiano possiede un’eredità notevole nei settori dei trasporti e dell’automotive. I suoi progetti rivoluzionari garantiranno che la “giga- factory” di Britishvolt sia adatta allo scopo e sia al contempo un’elegante rappresentazione del futuro dell’industria automobilistica inglese.

“Siamo onorati di collaborare con Pininfarina, design house conosciuta in tutto il mondo, per creare la nostra giga-factory” ha commentato Orral Nadjari, AD e fondatore di Britishvolt. “Riteniamo che il design innovativo debba avere la priorità, affinché possa accordarsi con la qualità futura delle nostre celle agli ioni di litio. Grazie a Pininfarina, che porta nell’architettura tutta la forza della sua eleganza e del patrimonio del design automobilistico, riteniamo di poter raggiungere questo obiettivo”.

“L’obiettivo di Britishvolt di diventare il primo produttore al mondo di batterie a emissioni zero si allinea perfettamente all’esperienza di Pininfarina nella creazione di ambienti innovativi, ecologici e high-tech” ha poi aggiunto il manager. “Il loro equilibrio tra design pionieristico e la comprensione della cultura locale è proprio ciò che Britishvolt è orgogliosa di portare avanti”.

“Siamo orgogliosi di collaborare con Britishvolt a un progetto tanto ambizioso” ha aggiunto Silvio Pietro Angori, AD di Pininfarina. “Ci siamo sempre concentrati sulla combinazione di design senza tempo e sostenibilità sociale e ambientale, sia nel design automobilistico che nell’architettura. Il design sostenibile non rappresenta più un’opzione che prima o poi va considerata: è un impegno ineludibile per creare valore sociale ed economico per le generazioni future”.

 

Articoli precedente

PSA: nuova piattaforma eVMP dedicata ai veicoli elettrici

Articolo successivo

Regione Piemonte: libera circolazione ai veicoli storici