Home»Electric»Porsche Taycan e basta, il nuovo entry level elettrico a trazione posteriore

Porsche Taycan e basta, il nuovo entry level elettrico a trazione posteriore

0
Condivisi
Pinterest Google+

Porsche Taycan e basta: la casa di Zuffenhausen, che ha archiviato il 2020 con una flessione dei volumi di appena 8.000 macchine (-13% in Italia con 5.815 auto consegnate, il terzo mercato in Europa), lancia il nuovo entry level della gamma elettrica. Si tratta di una versione a sola trazione posteriore la cui potenza massima raggiunge i 408 CV in modalità overboost e con funzione Launch Control.porsche taycan

Duecentrotrena chilometri all’ora di velocità massima per la Porsche Taycan

La potenza nominale è di 326 CV con la batteria Performance di serie da 79,2 kWh. Con la Performance Plus da 93,4 kWh (a richiesta) arriva a 380. A seconda dell’accumulatore cambia anche l’autonomia della Porsche Taycan: fino a 431 chilometri con la prima e fino a 484 con la seconda. Questa nuova declinazione si somma alle esistenti 4S, Turbo e Turbo S. La velocità di punta della nuova Porsche Taycan (20.000 unità vendute nel 2020 delle altre versioni) che arriva nelle concessionarie italiane in marzo, è di 230 km/h indipendentemente dalla batteria. L’accelerazione da 0 a 100 all’ora avviene in 5,4 secondi.porsche taycan

La nuova versione è a listino in Italia da poco meno di 85.000 euro

L’entry level che riduce di quasi 25.000 euro il prezzo d’ingresso si distingue per i cerchi da 19” ottimizzati dal punto di vista aerodinamico e per le pinze dei freni con finitura anodizzata nera. Anche questa variante dispone di due vani bagagli: da 84 litri all’anteriore e da 407 al posteriore. Tra le novità di serie c’è la funzione Plug & Charge che consente di effettuare la ricarica e di pagarli senza carte o app. Circa i tempi del rifornimento, per la Porsche Taycan il costruttore promette poco più di 22 minuti per un pieno dal 5 all’80%. E 5 minuti alla spina bastano per 100 chilometri. Iva inclusa, il prezzo italiano parte da 86.471 euro.

Articoli precedente

Ford Ranger MS-RT, la nuova variante "stradale" del pick-up americano

Articolo successivo

La top 10 di gruppi e auto più vendute nel 2020. Le sorprese del Covid