Home»Electric»Formula E virtuale, a Vandoorne (Mercedes) il Race at Home Challenge

Formula E virtuale, a Vandoorne (Mercedes) il Race at Home Challenge

0
Condivisi
Pinterest Google+

Stoffel Vandoorne (Mercedes-Benz EQ) si è aggiudicato il Race at Home Challenge, il campionato di Formula E virtuale organizzato per raccogliere fondi per l’UNICEF e per regalare ai fan del circuito elettrico qualche emozione in attesa della ripresa delle gare cittadine. Il belga si è classificato secondo sul circuito di Berlino, dove si è imposto Oliver Rowland (Nissan e.Dams), che partiva dalla pole.

Secondo successo sulla pista digitale di Tempelhof per Rowland (Nissan e.Dams)

Per il britannico si tratta del secondo successo al simulatore: anche il primo l’aveva ottenuto sulla pista digitale dell’ex aeroporto di Tempelhof. Pascal Wehrlein (Mahindra), che partiva con 14 punti di vantaggio e dalla seconda posizione, era il grande favorito della vigilia. Purtroppo per lui, tuttavia, poco dopo la partenza è rimasto coinvolto nel “solito” spaventoso incidente che gli ha fatto perdere 15 posizioni. Il tedesco è risalito fino al dodicesimo posto, un piazzamento inutile per il campionato. Wehrlein è rimasto inchiodato a quota 130. Rowland (122) ha invece scavalcato Maximilian Gunther (Bmw i Andretti), che dopo aver dominato le prime due gare ha salvato soltanto il quarto posto assoluto (118).Formula E virtuale Vandoorne

Alla Mercedes-Benz EQ il titolo a squadre della Formula E virtuale

A Berlino è tonato sul podio, terzo, ma non gli è bastato per garantirsi un piazzamento migliore. I piloti aspettando adesso la ripresa delle gare reali, anche perché molti non considerano il simulatore realmente utile per migliorare le prestazioni. Soprattutto perché non include le difficoltà legate al recupero dell’energia. Dopo 8 gare, le ultime due delle quali nel corso di questo fine settimane, la Mercedes-Benz EQ si è portata a casa anche il platonico titolo della Formula E virtuale a squadre con 172 punti, 21 in più rispetto alla Nissan e.Dams e 40 in più rispetto alla Mahindra.

Articoli precedente

Wehrlein (Mahindra) vince la Formula E virtuale e domani corre per il titolo

Articolo successivo

Jaguar XKR 75: versione originale, ricorrenza speciale