Home»Electric»Doppietta Wehrlein (Mahindra) nella Formula E virtuale che parla tedesco

Doppietta Wehrlein (Mahindra) nella Formula E virtuale che parla tedesco

1
Condivisi
Pinterest Google+

Rosso, nero e giallo sono le tre tinte dominanti del Race at Home Challenge di Formula E perché sono i colori delle bandiere di Germania e Belgio che schierano i piloti che occupano le prime tre posizioni della classifica generale. Pascal Wehrlein (Mahindra) ha vinto oggi la quarta tappa del campionato virtuale che cerca di non far rimpiangere la Formula E davanti a Stoffel Vandoorne (Mercedes-Benz Eq). Il tedesco ha bissato il successo di una settimana fa ed ha scalzato Maximilian Gunther (Bmw i Andretti), eliminato dopo 8 giri, dalla testa della graduatoria.

Vandoorne (Mercedes) e Calado (Jaguar) sul podio di Hong Kong

Con 65 punti Gunther resta secondo a cinque lunghezze dal pilota Mahindra. Il belga è terzo a 58. Il podio della gara digitale di Hong Kong, percorso scelto per la seconda volta, è stato completato da James Calado. Il pilota della Panasonic Jaguar è stato protagonista di un’ottima partenza. Chi recrimina è senz’altro Edoardo Mortara (Rokit Venturi) che aveva ottenuto i tre punti della pole. Per movimentare le qualifiche, i piloti sono stati costretti a girare sul bagnato: anche “scenograficamente” un risultato interessante. La gara ha offerto qualche spunto di cronaca in più rispetto alle precedenti. Non solo per la partenza che ha risucchiato nelle retrovie Gunther e consentito a Calado di guadagnare la piazza d’onore provvisoria.

“Senatori” ancora in difficoltà con la Formula E ai simulatori

Ma anche per i successivi sorpassi di Wehrlein e Vandoorne a spese dello stesso Calado. E, soprattutto, per la maldestra manovra di Mortara all’uscita dalla chicane. L’italo svizzero ha perso il controllo dell’auto ed è stato infilato dagli inseguitori, incluso Nick de Vries (Mercdes-Benz Eq). Alla fine ha chiuso quinto. Fra i senatori, solo Antonio Felix da Costa (Ds Techeetah) e Sébastien Buemi (Nissan e.Dams) sono andati a punti: sesto uno e nono l’altro. La Audi Sport ABT Schaeffler si era illusa con la quinta fila di Daniel Abt in qualifica: in gara il tedesco è stato “solo” l’ultimo degli eliminati. Sabato prossimo la quinta tappa del circuito virtuale che la Formula E ha voluto anche per raccogliere fondi per l’UNICEF.

Articoli precedente

Nuova puntata TV: decreto rilancio, micromobilità, interviste e prove

Articolo successivo

Ford Mustang Mach-E, quasi 120 km di autonomia con 10 minuti alla spina