Home»News»L’italiana Adler Pelzer tra i Fornitori dell’Anno 2017 di General Motors

L’italiana Adler Pelzer tra i Fornitori dell’Anno 2017 di General Motors

0
Condivisi
Pinterest Google+

L’italiana Adler Pelzer tra i Fornitori dell’Anno 2017 di General Motors

L’Italia che piace a General Motors è quella dell’Adler Pelzer Group di Ottaviano (Napoli). La società italiana è stata tra quelle che il colosso americano dell’auto ha riconosciuto con il titolo di “Fornitore dell’Anno” per il 2017.

La società di napoletana aveva ricevuto lo stesso premio nel 2000

La Adler Pelzer è un gruppo manifatturiero italiano leader internazionale nella progettazione, nello sviluppo e nella produzione di componenti e sistemi per l’industria del trasporto. Il riconoscimento di GM prende in considerazione le performance, la qualità e l’innovazione dei suoi prodotti e viene assegnato ai fornitori “capaci di superare le aspettative di General Motors, creando valore e introducendo importanti innovazioni per la società”. La Adler Pelzer era già stata insignita dello stesso titolo anche nel 2000. “Per General Motors questa è l’opportunità di onorare i fornitori che rappresentano il meglio del meglio”, ha affermato Steve Kiefer, vice presidente di GM, Global Purchasing e Supply Chain.

Anche Ferrari, Porsche, Audi e Rolls-Royce tra i clienti della Adler Pelzer

Nella strategica trasformazione, i fornitori giocano un ruolo sempre più rilevante nel comparto. “È un riconoscimento importante non solo per la nostra squadra, ma anche per l’industria italiana dell’automotive”, ha commentato Paolo Scudieri, presidente del gruppo, figlio del fondatore Achille. La società è stata fondata nel 1956 ed oggi, oltre alla storica sede partenopea, conta 11.000 dipendenti tra Europa, Asia e Americhe. Dispone di 65 stabilimenti in 23 paesi ed ha un fatturato di 1,4 miliardi di euro. Il 4% dei volumi è destinato a finanziare le attività di ricerca e sviluppo: 4 dei 12 centri sono in Italia. La Adler Pelzer è fornitore anche di Ferrari, Porsche, Audi, Rolls-Royce ma anche di Agusta, Boeing, Bombardier.

 

 

Articoli precedente

Noah, elettrica a due posti biodegradabile fatta di zucchero e lino

Articolo successivo

Il calvario degli automobilisti alla pompa, solo rincari su benzina e diesel