Home»News»Airbag Takata, 30 milioni di auto ancora da richiamare. Anche Ford paga

Airbag Takata, 30 milioni di auto ancora da richiamare. Anche Ford paga

0
Condivisi
Pinterest Google+

Airbag Takata, 30 milioni di auto ancora da richiamare. Anche Ford paga

Dopo Honda, Toyota, Nissan, Mazda, Subaru e Bmw, anche Ford ha raggiunto un’intesa per chiudere con i consumatori americani per i problemi legati agli airbag Takata. Quello dell’Ovale Blu è un accordo da 300 milioni di dollari (circa 256 milioni di euro) che che riguarda non meno di 6 milioni di veicoli.

Costruttori e Tahakata chiamati a pagare 2,5 miliardi di dollari

La compensazione deve venire avallata da un giudice federale. Gli altri costruttori si erano accordati per un totale di 1,2 miliardi di dollari. La cifra complessiva raggiunge così attualmente a due miliardi e mezzo di dollari (2,15 miliardi di euro), incluso il miliardo che aveva accettato di risarcire la stessa Takata. Che nel frattempo è stata costretta a dichiarare bancarotta sia negli USA sia in Giappone. Quello degli airbag del fornitore nipponico è stato un caso planetario che condotto all’ondata di richiami più grande della storia.

Ventitre vittime, due delle quali a bordo di veicoli Ford

I soli 19 maggiori costruttori hanno dovuto sostituire 100 milioni di dispositivi. La drammatica contabilità dello scandalo è di almeno 23 vittime (due a bordo di auto Ford e gli altri su modelli Honda) e oltre 290 feriti. L’accordo raggiunto dall’Ovale Blu prevede che il costruttore metta a disposizione gratuitamente auto sostitutive nel caso non ci fossero i pezzi di ricambio necessari. Solo negli Stati Uniti ci sono ancora 30 milioni di veicoli potenzialmente coinvolti nella campagna che non sono ancora passati nelle officine.

Articoli precedente

Volvo XC40, Ford Focus e BMW X4 a 5 stelle nei crash test EuroNcap

Articolo successivo

Andreucci al Rally di Roma Capitale dopo l'incidente, Castiglioni navigatore