Home»News»Alfa Romeo Giulia: i motori e gli allestimenti

Alfa Romeo Giulia: i motori e gli allestimenti

1
Condivisi
Pinterest Google+

L’Alfa Romeo Giulia si sta finalmente avvicinando al momento tanto atteso, quello del debutto nelle vetrine delle concessionarie. Gli ordini apriranno il 15 aprile (e solo allora si conoscerà il listino ufficiale), poi da giugno inizieranno le prime consegne. Audi A4, BMW Serie 3 e Mercedes Classe C hanno qualcosa da temere? Dipenderà da molti fattori, vediamo intanto l’offerta dell’italiana.

Trattandosi di Alfa Romeo Giulia, non si può non partire dai motori: quelli inzialmente disponibili sono il 2.0 TBi turbobenzina da 200 CV, il V6 biturbo 2.9 della Quadrifoglio e il ben più strategico 2.2 JTDm turbodiesel costruito in alluminio, da 150 CV (380 Nm di coppia) e 180 CV (450 Nm di coppia), quest’ultimo anche in versione ECO. 2.0 TBi e 2.2 JTDm sono abbinabili al cambio automatico a 8 rapporti Q tronic. Al top di gamma si pone il già noto 2.9 V6 sovralimentato da ben 510 CV della Quadrifoglio.

Promette bene il capitolo connettività dell’Alfa Romeo Giulia: il sistema di infotainment è stato sviluppato a braccetto con Magneti Marelli. Il sistema si chiama 3D Nav e conta su uno schermo da 8,8″ che si gestisce principalmente con il Rotary Pad. Inoltre, 3D Nav offre il riconoscimento vocale avanzato e una completa connettività con tutti i dispositivi iOS e Android. I sistemi di assistenza alla guida spaziano dal Forward Collision Warning (di serie su tutta la gamma), all’Autonomous Emergency Braking, passando per l’avviso di abbandono involontario della corsia e l’ausilio al sorpasso. Manca solo il sistema che tiene in automatico la vettura nelle propria corsia agendo sullo sterzo.

Dal punto di vista degli allestimenti, la gamma si divide in tre: Giulia dotata di cerchi in lega da 16”, schermo TFT da 3,5″, volante in pelle con pulsante di avviamento motore, Forward collision warning, IBS (Integrated Braking System) e Lane Departure Warning. Completano l’equipaggiamento il climatizzatore bi-zona, il cruise control, il freno di stazionamento elettrico, i sensori luce e pioggia, il sistema Alfa Connect 6,5″ e il nuovo selettore di guida Alfa DNA con cui personalizzare le risposte di sterzo, acceleratore ed elettronica. Si sale di prezzo e dotazione con la Super: cerchi in lega da 17″, sedili in pelle e tessuto e battitacco in alluminio. Il top è la Quadrifoglio: spiccano il selettore di guida DNA Pro con modalità Race e il Connect 3D Nav con schermo da 8,8″. Sono inoltre previsti due pacchetti di personalizzazione – Lusso (nelle foto: la Giulia blu e quella grigia) e Sport (la bianca) – mentre gli interni possono essere scelti a piacere fra 18 soluzioni differenti. Il tutto, da abbinare a 13 colori di carrozzeria.

 

Articoli precedente

Volkswagen T-Cross Breeze, il SUV cabriolet per la città

Articolo successivo

Renault Scenic, frena da sola e avrà un diesel "micro ibrido"