Home»News»Alpine Vision, torna la sportiva a motore centrale e trazione posteriore

Alpine Vision, torna la sportiva a motore centrale e trazione posteriore

0
Condivisi
Pinterest Google+

Ormai manca poco: la Alpine Vision verrà presentata in versione definitiva (perdendo, dunque, il nome Vision) a fine 2016 e ad aprile 2017 inizierà la commercializzazione. L’ottima notizia, per gli appassionati della guida, è che il motore è in posizione posteriore centrale e la trazione sulle ruote posteriori. Non solo: gli ingegneri francesi hanno ammesso apertamente che la loro attenzione è focalizzata sulla leggerezza e sull’agilità fra le curve. Addirittura, proprio gli ingegneri che l’hanno concepita hanno ammesso che stanno dando più importanza alla leggerezza che alla potenza.

L’Alpine Vision – così come il modello che ne deriverà – è un progetto “vecchia scuola”, con tutto il positivo che c’è in questa impostazione: ricerca di un intimo rapporto uomo-macchina, nel quale lo sterzo, il sedile e il cambio (anche se comandato da paddles dietro al volante) sono leve che mettono in comunicazione diretta con la vettura. Il tutto, sia chiaro, per ora è una (bella) promessa del top management Renault: non ci sono dati ufficiali relativi al peso, né alle dimensioni o alla potenza della Vision. Sappiamo però che le basteranno 4,5 secondi per bruciare lo 0-100 km/h, mentre rientra fra le indiscrezioni la possibilità che il motore sia un quattro cilindri turbobenzina, derivato dal 1.600 della Clio RS, ovviamente rivisto e potenziato – a 250 o 300 CV – dai tecnici di Renault Sport. Quanto al design, sarà uguale all’80% a quello che vedete in queste foto ed è ispirato alla A110 Berlinette degli anni Settanta: bassa, schiacciata verso l’asfalto, la Vision esprime leggerezza anche visivamente.

Per il suo ritorno, Alpine ha scelto le strade del Rally di Montecarlo: proprio qui, infatti, ha colto diverse vittorie e soprattutto la tripletta nel 1973. Proprio alle corse è ispirato l’abitacolo a due posti secchi. Tutto è studiato attorno al pilota moderno, con abbondanza di strumenti hi-tech, rivestimenti in pelle sparsi dappertutto e tanto carbonio a vista.

Articoli precedente

Anche in Messico BMW e Nissan partner per la ricarica

Articolo successivo

Daimler sceglie Zetsche per il dopo Zetsche. Poi Kaellenius, forse