Home»News»Altroconsumo: Class Action contro il Comune di Milano

Altroconsumo: Class Action contro il Comune di Milano

0
Condivisi
Pinterest Google+

Offensiva di Altroconsumo contro il Comune di Milano che ha depositato l’atto di notifica della Class Action per aver notificato multe agli automobilisti anche oltre i 90 giorni concessi dalla legge. Altroconsumo informa che “da ottobre 2014 a oggi oltre 12.000 automobilisti ci hanno contattato, sentendo i giuristi, scaricando il modulo di contestazione online”. La contestazione oltre il limite dei 90 giorni è, secondo l’organizzazione, “illegittima”. La class action segue la diffida “a interrompere l’invio di verbali fuori tempo massimo” che è caduta nel nulla. L’iniziativa ha un obiettivo più “nobile” rispetto a quella del Codice del Consumo perché è finalizzata esclusivamente alla correzione del comportamento illegittimo.

Il giudice è chiamato a pronunciarsi e se la violazione, l’omissione o l’inadempimento da parte della pubblica amministrazione fossero accertati, la PA dovrà rimediare e rivedere il proprio operato in un tempo congruo. L’oggetto del contendere è, di fatto, l’interpretazione della norma che, secondo il Comune, consente di far scattare i 90 non dal giorno dell’infrazione ma da quello della visione dei fotogrammi da parte degli agenti di Polizia. Altroconsumo ritiene che l’amministrazione debba anche annullare la riscossione coattiva e la richiesta di pagamento tramite Equitalia e, fra i sei punti della class action, chiede anche la “attuazione di una procedura per la restituzione delle somme incassate illegittimamente a fronte di verbali notificati tardivamente in violazione dell’art. 201, Cod. strada”.

Articoli precedente

Tesla Model X, l'eco suv elettrico

Articolo successivo

Brembo compra la cinese Asimco