Home»News»AMBIENTE/ A fine 2009 pronto il primo EcoSun Building

AMBIENTE/ A fine 2009 pronto il primo EcoSun Building

0
Condivisi
Pinterest Google+

MILANO – La macchina edilizia è partita: operai, carpentieri, capo cantieri e una gru di 40 metri sono al lavoro in via Ugolini, in una delle aree di Milano che, negli ultimi anni, ha visto radicalmente trasformata la sua fisionomia. Siamo in zona Bicocca, in quella parte della città identificata da Expo 2015 come area dell’innovazione e inserita nel Raggio Verde R2. Qui, a due passi dalla nuova linea 5 della metropolitana e a pochissimi metri dai popolati edifici dalla terza università lombarda per numero d’iscritti, alla fine del 2009 sorgerà l’EcoSun Building, una palazzina che rappresenta un unicum per il risparmio energetico e le emissioni di CO2, tra i primissimi esempi nel capoluogo meneghino. Le emissioni di CO2 di EcoSun Building saranno meno di un decimo di quelle di un edificio tradizionale milanese, quindi produrrà più di 40 tonnellate di CO2/anno in meno di un analogo edificio costruito con tecniche tradizionali. Dodici appartamenti di diverse metrature (di cui sei ancora in vendita), ognuno con il suo box, sono stati studiati per sfruttare appieno l’energia pulita, rinnovabile e a costo zero del sole. Questo garantirà agli inquilini un risparmio di circa 150mila euro, per unità abitativa, sui costi di riscaldamento, di produzione dell’acqua calda sanitaria e di condizionamento estivo, in trent’anni rispetto a una costruzione “tradizionale”. L’Architetto Gianmaria Baraldi di Arch & Arch Associati www.archandarch.it, ideatore dell’EcoSun, ha adottato soluzioni architettoniche e tecnologie all’avanguardia per ottenere le più alte prestazioni dall’edificio. Nel dettaglio, l’asse principale dell’EcoSun Building sarà orientato secondo la direttrice est-ovest per aumentare la superficie esposta a sud e massimizzare così l’irraggiamento solare nel periodo invernale; le linee curve dei terrazzi sono pensate per proteggere le vetrate dai raggi del sole nel periodo estivo e sfruttare al massimo il calore del sole in inverno; gli infissi con telaio in Pvc con sistema multicamera, guarnizioni multiple e vetri riflettenti bassoemissivi, garantiscono un miglior isolamento rispetto a più diffusi serramenti. Lo stesso fanno i raccordi termoisolanti, inseriti tra la soletta interna e quella a sbalzo dei terrazzi, che impediscono al calore di disperdersi. Questi vantaggi sono ottimizzati dalla struttura che è stratificata a secco, costituita da una serie di pannelli di materiali e spessori diversi studiati ad hoc per questo edificio, che massimizzano l’isolamento termico e acustico. Vero punto di forza dell’EcoSun Building è, però, l’impianto di riscaldamento radiante che si snoda sotto il pavimento lungo tutta la metratura degli appartamenti e che sfrutta l’energia solare attraverso l’uso di pannelli solari. In una lunga serpentina circola acqua calda a una temperatura di 30°C. Questo sistema, rispetto all’uso di radiatori tradizionali che usano l’acqua a 70°C, assicura un riscaldamento più uniforme ed economico, migliora la qualità dell’aria non seccandola e riduce i moti convettori diminuendo il trasporto di polveri e batteri. Un impianto di ventilazione meccanica cambia costantemente l’aria all’interno degli appartamenti senza dover aprire le finestre, quindi senza creare “buchi” nell’involucro coibentato e sbalzi di temperatura. Vale la pena sottolineare, infine, che impianto di riscaldamento, ascensore, ventilazione meccanica, sono tutti alimentati con l’energia elettrica autoprodotta dall’EcoSun grazie a una serie di pannelli fotovoltaici posti sul tetto.

Articoli precedente

FERRARI /Una tempesta di sabbia interrompe i test odierni

Articolo successivo

MERCEDES-BENZ/ Official Sponsor della moda milanese