Home»News»Audi AI:ME, concept al CES di Las Vegas, la “personalizzazione fatta auto”

Audi AI:ME, concept al CES di Las Vegas, la “personalizzazione fatta auto”

0
Condivisi
Pinterest Google+

Audi AI:ME, concept al CES di Las Vegas, la “personalizzazione fatta auto”

Tecnologia empatica e schermo head-up 3D basato sulla mixed reality: sono tra le futuristiche soluzioni che la casa dei Quattro Anelli esibisce al CES con la Audi AI:ME. Il concept propone l’Audi eye tracking per la gestione mediante lo sguardo dei sistemi di comunicazione e connettività. La show car del costruttore di Ingolstadt è una sorta di elegante sala viaggiante con apertura delle porte ad armadio sviluppata per le megalopoli del futuro.

Tecnologia empatica per il “terzo ambiente di vita”

Quelle in cui ci si muoverà a zero emissioni (su strada), in modo connesso con i veicoli che dialogano anche con la infrastrutture ed a guida autonoma. Il veicolo elettrico offrirà una nova esperienza: più che di guida, di viaggio. L’abitacolo viene anticipato “in grado di adattarsi agli stati d’animo e alle condizioni psicofisiche dei passeggeri“. Tra le altre cose significa che possono organizzarsi il tempo a bordo in funzione delle preferenze personali. La Audi AI:ME, insomma, è una sorta “personalizzazione fatta auto”. La tecnologia empatica si chiama Audi Intelligence Experience e contribuisce a rendere il concept il “terzo ambiente di vita” dopo la casa ed il posto di lavoro.

Comandi vocali ed oculometria per la gestione della Audi AI:ME

La gestione dei sistemi di comunicazione e connettività avviene grazie all’oculometria (eye tracking) ed ai comandi vocali. Il passeggero può dialogare con il veicolo per, ad esempio, ordinare il cibo preferito. Due piccole telecamere a infrarossi, una per il guidatore e l’altra dedicata al passeggero anteriore, osservano i movimenti tanto degli occhi quanto dei muscoli orbicolari riconoscendo l’esatta direzione dello sguardo. I passeggeri confermano gli input tramite campi sensibili al tocco in corrispondenza dei listelli sotto i finestrini (remote touch). Tali comandi si trovano in posizione perfettamente ergonomica e sono integrati nelle superfici, così da risultare invisibili.

Nuova hard-uo display 3D mixed realty sviluppato con Samsung

Il sistema di navigazione integra la capacità di autoapprendimento, già presente nell’attuale generazione dei sistemi MMI. Ma nella Audi AI:ME la tecnologia va molto oltre perché analizza funzioni e regolazioni preferite. La macchina capisce con chi a anche fare e sistema il sedile, adatta illuminazione e temperatura, solo per fare alcuni esempi. Il nuovo head-up display 3D mixed reality  sviluppato con Samsung abbina oggetti reali e immagini virtuali. Le immagini sembrano galleggiare nell’aria ad una distanza di 8/10 metri, che però può venire regolata per farle apparire ancora più distanti (fino a 70 metri).

Articoli precedente

de Meo verso Renault, lascia Seat dopo 4 anni e 2 record di vendita di fila

Articolo successivo

Citroen C5 Aircross Hybrid in anteprima mondiale al Brussels Motor Show