Home»News»Pop-Up Next, Audi resta a terra: non decolla il progetto del taxi volante

Pop-Up Next, Audi resta a terra: non decolla il progetto del taxi volante

0
Condivisi
Pinterest Google+

Pop-Up Next, Audi resta a terra: non decolla il progetto del taxi volante

Prima voleva andare nello spazio, poi sembrava volersi “accontentare” dell’aria, ma adesso è ufficiale: Audi resta a terra. La casa di Ingolstadt ha deciso di archiviare il progetto Pop-Up Next. Cioè lo sviluppo di un taxi volante in cooperazione con Airbus. Lo scorso novembre aveva esibito nei Paesi Bassi, alla Drone Week di Amsterdam, un drone in scala 1:4 di Pop-Up Next.

Il concept aereo Pop-Up Next era stato sviluppato da Italdesign

Il piano, anticipato in precedenza assieme anche alle autorità locali, era quello di offrire una avveniristica soluzione intermonale a guida autonoma su ruote e ad eliche. Il conpcept volante era stato messo a punto dalla Italdesign, una delle controllate della casa dei Quattro Anelli. I dettagli del disimpegno non sono noti, ma all’interno del gruppo ciascun marchio deve rivedere i costi sulla base dei progetti. E Porsche ha appena annunciato un progetto per sviluppare un taxi volante per il trasporto passeggeri assieme alla Boeing.

Audi si occuperà sempre di idrogeno, in bilico l’intesa con Airbus

Evidentemente, pare di capire, che l’idea di della casa di Zuffenhausen ha la priorità. Anche perché Audi, ad esempio, ha tra le proprie responsabilità quella di sviluppare la tecnologia a celle a combustibile. La stessa collaborazione con Airbus è ormai in discussione. Per il colosso europeo aerospaziale l’eventuale fine del rapporto con Audi non dovrebbe costituire un grande problema. In tema di taxi volanti Airbus lavora ad un drone a quattro posti CityAirbus e, assieme alla start-up americana A3, d al più piccolo Vahana.

Articoli precedente

Due ibride cittadine che amano le curve, le protagoniste della nuova puntata tv

Articolo successivo

Daihatsu con quattro concept per la mobilità urbana al Tokyo Motor Show