Home»News»Audi RS6 Avant e RS7 Sportback Performance: 605 cv e oltre 300 km/h

Audi RS6 Avant e RS7 Sportback Performance: 605 cv e oltre 300 km/h

0
Condivisi
Pinterest Google+

RS6 Avant e RS7 Sportback non vi bastano? Audi pensa anche a voi, prima che voi pensiate ad ABT o ad altri preparatori specializzati in cose folli. Arrivano infatti sul mercato RS6 Avant e RS7 Sportback performance, che in quanto a follia non hanno nulla da imparare. E se credete che stiamo esagerando, leggete qui: 605 CV di potenza, 750 Nm di coppia e uno 0-100 fulminato in 3,7 secondi

I consumi? Rimangono invariati a 9,6 e 9,5 l/100 km rispettivamente, ma non è certo questo il focus di automobili come queste. Interessano di più particolari come la nuova funzione overboost, grazie alla quale il conducente può disporre per un breve periodo di un picco massimo di 750 Nm. Risultato: entrambi i modelli RS performance limano 0,2 secondi nello 0-100 km/h rispetto alle RS “base”, mentre per passare da 0 a 200 km/h impiegano solo 12,1 secondi ( -1,4 secondi!).

Ancora non ne avete abbastanza? Con il pacchetto Dynamic, optional, è possibile portare la velocità massima da 250 km/h a 280 Km/h o 305 km/h (nel caso vi venga voglia di andare a girare su un ovale, per esempio).

I due nuovi modelli sono dotati di serie del cambio tiptronic a otto rapporti specificamente studiato per offrire la massima sportività. Chi guida può scegliere tra le modalità D e S, oppure può innestare manualmente i rapporti tramite la leva o i bilancieri collocati dietro al volante sportivo multifunzionale RS, rivestito in pelle.

Nella modalità manuale one-touch, un indicatore d’innesto visualizzato nel sistema di informazioni per il conducente (FIS) o nell’head-up display (disponibile a richiesta) segnala il regime massimo di rotazione.

La trazione integrale permanente quattro distribuisce le coppie in modo flessibile grazie al differenziale centrale. Nella ripartizione di base la potenza viene distribuita per il 40% sull’assale anteriore e per il 60% su quello posteriore. All’occorrenza, la gestione selettiva della coppia sulle singole ruote interviene per ottimizzare la trazione. A richiesta è disponibile il differenziale sportivo sull’assale posteriore, con ripartisce la coppia tra la ruota interna e la ruota esterna alla curva in modo attivo.

Le sospensioni pneumatiche adaptive air suspension RS, di serie con taratura sportiva, abbassano la carrozzeria delle RS 6 Avant performance e RS 7 Sportback performance di 20 millimetri. La taratura degli ammortizzatori opera tenendo in considerazione le condizioni della strada, lo stile di guida e la modalità Audi drive select selezionata. In alternativa Audi offre l’ assetto sportivo RS plus con Dynamic Ride Control (DRC). Il Cliente può richiedere anche lo sterzo dinamico,che dispone di una demoltiplicazione variabile a regolazione continua.

I nuovi modelli RS performance sono dotati di serie di cerchi in lega di alluminio da 21 pollici, con pneumatici 285/30 per RS 6 Avant performance e 275/30 per RS 7 Sportback performance. Per ottimizzare il peso, i quattro dischi freno autoventilanti sono realizzati in design a onda. A richiesta è disponibile l’impianto frenante in carboceramica. Il controllo elettronico della stabilizzazione (ESC) dispone della modalità sportiva e può essere disattivato all’occorrenza.

 

Scegliendo il pacchetto design RS performance, gli interni sono disponibili nella combinazione di colori blu e nero che comprende le sellerie in Alcantara/pelle, con impuntura a nido d’ape e cuciture in contrasto tanto sui sedili quanto sugli appoggiabraccia, sugli elementi di comando e sui tappetini. Questa combinazione viene completata da inserti in Alcantara per le ginocchia sul tunnel centrale e inserti in carbonio blu twill. Questi nuovi elementi dal particolare effetto cromatico sono realizzati intessendo nella fibra di carbonio, delle fibre di colore blu. Gli strumenti di forma circolare hanno quadranti neri, scale bianche e indicatori rossi.

La prevendita di entrambi i modelli inizierà in Italia entro la fine del 2015.

 

Articoli precedente

Prova Ferrari 488 Spider: al volante del bolide di Maranello

Articolo successivo

TÜV Rheinland: "Manipolato un terzo dei contachilometri delle auto usate"